Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LO MONACO CITA LA SOCIETÀ CATANIA CALCIO. NON PAGATO COME AD

LO MONACO CITA LA SOCIETÀ CATANIA CALCIO. NON PAGATO COME AD

“Chiede alla società sei milioni e mezzo di euro di stipendi non retribuiti, l'ex direttore generale rossazzurro, li avanza in qualità di amministratore delegato con il relativo Tfr. Dalla proprietà del Calcio Catania arriva subito la replica: “l’istanza è totalmente infondata”. Secondo Lo Monaco la società lo avrebbe pagato soltanto per il suo ruolo di direttore generale”.

Print Friendly, PDF & Email

Lo Monaco. il trascorso e sofferto rapporto di lavoro tra Pietro Lo Monaco e il Catania Calcio si trasferisce in Tribunale. L’ex dirigente della società etnea ha chiesto 6 milioni e 650 mila euro di stipendi non retribuiti, dal giugno 2004 al maggio 2012, in qualità di amministratore delegato con il relativo Trattamento di fine rapporto. A veduta di Lo Monaco, che nel campionato in corso ha interrotto le sue collaborazioni con Genoa e Palermo, il Catania Calcio lo avrebbe pagato soltanto per il suo ruolo di direttore generale. Subito non si fa attendere la replica della società che in una nota dichiara: “Abbiamo preso atto di quanto contenuto nella citazione, che riteniamo totalmente infondata”.

Come si può leggere, oggi, sul quotidiano Milano Finanza, l’avvocato Sergio Marullo di Condojanni ha depositato una citazione a giudizio nel Tribunale civile di Catania, dove è scritto Lo Monaco: “è stato l’artefice dello straordinario sviluppo patrimoniale ed economico – della società – non ha peraltro mai ricevuto alcun compenso per lo svolgimento della sua attività di amministratore delegato, ricevendo compensi soltanto per l’incarico di direttore generale”. Poi continua: “Il presente giudizio – spiega il legale – mira dunque a ottenere, da parte del Catania, il compenso per l’opera svolta in qualità di amministratore delegato, e il relativo Trattamento di fine rapporto”. Netta smentita dalla società che ribadisce: “Abbiamo preso atto di quanto contenuto nella citazione, che riteniamo totalmente infondata”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook