Archiviato in | Incontri, Libri, Musica, Spettacolo

CATANIA: INTERVISTA A SIMONE CRISTICCHI

CATANIA: INTERVISTA A SIMONE CRISTICCHI

"Grande successo per la tappa catanese di "Album di famiglia" di Simone Cristicchi. Simone Russo lo ha incontrato per noi alla libreria la Feltrinelli di Catania".

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Grande successo per la tappa catanese di “Album di famiglia” di Simone Cristicchi. Lo abbiamo incontrato a Catania. Come è nato questo suo nuovo album? “Perché essendo un cantautore ho voluto raccontare e descrivere in musica i racconti e le situazioni vissute negli ultimi tre anni. Un riassunto tematico di tutte le strade di ricerca percorse in questi anni. Ho composto questo album a chilometri zero perche ho voluto ricreare uno studio di incisione proprio dentro casa mia. Non volevo una registrazione casalinga, ma ricca della intimità che si vive dentro la propria casa. L’album descrive la grande famiglia dell’umanità, un’isola felice che resiste contro le dimenticanze e cinismi del presente”. Vincitore di Sanremo 2007 con il brano “Ti regalerò una rosa”. L’ultimo album contiene “I matti di Roma”, come mai questa voglia di raccontare il mondo dei manicomi? “E’ un mondo sconvolgente perché purtroppo è un mondo a parte. Nei vecchi manicomi c’erano si alcuni malati mentali ma anche alcune persone che davano fastidio alla società. Ho frequentato questi luoghi ed ho studiato anche alcuni documentari, fino a portare in scena il loro mondo. Molto spesso sono persone abbandonate ma molto speciali. I cosiddetti normali sono più matti di chi era dentro. Se tu mi chiedi chi sono i veri malati, dipende da che parte chiudi il cancello. Album di famiglia contiene anche un omaggio a Laura Antonelli, dopo la pubblicazione ha avuto sue notizie? “Purtroppo lei non ha più rapporti con il mondo esterno. Ha pochissimi amici e non ha neanche la televisione. So che quando le hanno riferito del mio brano Laura, lei è stata contentissima. Purtroppo lei è stata maltrattata per un errore e lapidata dai mass media. Come nel brano “Che bella gente” dedicato a Mia Martini, voglio descrive quanta violenza fisica viene fatta alle donne. La gente si accanisce con le persone fragili, con quelle donne delicate”. All’interno dell’album analizza anche la situazione italiana. “Le sol le mar vuole” è una cartolina estiva, grottesca, da un Bel Paese eternamente in cerca d’identità, che preferisce promuoversi anziché guardare in faccia le proprie eterne contraddizioni. Oggi stiamo vivendo un momento in cui può succedere qualsiasi cosa. In un momento come questo c’è bisogno di una grane Italia pronta a rialzarsi e ricostruirsi. Abbiamo l’opportunità di creare una nuova Italia”. Che consigli si sente di dare ai giovani, soprattutto quelli siciliani. “Evitate di essere indifferenti. Avere una grande forza e aumentare l’impegno verso il mondo sociale e politico. Nei giovani siciliani si può ripartire perché sanno avere la giusta curiosità, la giusta determinazione per cambiare questa attuale situazione”. Cosa ne pensa dei talent? “ E’ un momento molto complicato per chi vuole emergere nel mondo della musica perché molti locali che davano la possibilità ai ragazzi emergenti di mettersi in mostra, stanno chiudendo. Oggi è più facile fare musica con i computer anche da casa. I talent rappresentano solo una valvola di sfogo e non dovrebbe essere così. Ci dovrebbero essere anche altre opportunità valide”. Lei alterna i palcoscenici per il suo lavoro teatrale e per i concerti, ma quale preferisce? “Sono due cose diverse ma mi piacciono entrambi i mondi. Nei concerti ti ritrovi a suonare davanti a migliaia di persone. In teatro, invece, cambia l’atmosfera. Più emozione, più silenzio e poi il racconto è diverso”. Quando nei teatri siciliani? “Ad ottobre partirà da Trieste il mio “Magazzino 18” che racconta l’esodo giuliano-dalmata. Non descrivo la storia di una morte che è stata dimenticata per sessant’anni ma bensì la morte di nostalgia che ha colpito molte persone. E questo spettacolo arriverà anche in questa meravigliosa Terra”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook