Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: MAESTRO PEDOFILO CONDANNATO A SEI ANNI

CATANIA: MAESTRO PEDOFILO CONDANNATO A SEI ANNI

“Si tratta di un insegnante della scuola primaria Edmondo de Amicis che è stato condannato per atti sessuali con minorenni. Le indagini sono scattate dopo la denuncia dei genitori”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Si chiama Manlio Elia l’insegnante della scuola primaria Edmondo de Amicis di Catania, condannato a sei anni di reclusione per “atti sessuali con minorenni”, perchè ritenuto colpevole di aver toccato alcuni suoi alunni. La sentenza è stata emessa ieri dal Gup Anna Maggiore, a conclusione del rito abbreviato, accogliendo le richieste del pm Agata Consoli. L’insegnante, con trascorsi sportivi e teatrali noti in città, godeva della fiducia dei colleghi e genitori dei ragazzi, e come si evince nella sentenza “gli consentiva di lasciarsi andare a palpeggiamenti sugli alunni più fragili e problematici, grazie alla stima e fiducia di cui godeva – evidenzia il Gup – e alla indifferenza dei colleghi, alcuni dei quali, nonostante le evidenze probatorie, lo hanno difeso ritenendo che fossero i bambini a non essere credibili”. . “Non si tratta di una sentenza ma un incidente di percorso – ha dichiarato il legale dell’insegnate, l’avvocato Enzo Trantino – e presenteremo ricorso in appello perchè siamo certi che la tesi, assolutamente infondata, non può reggere nel secondo grado di giudizio”. Le indagini furono avviate dopo la denuncia dei genitori di alcuni alunni, che si sono costituiti parte civile nel procedimento penale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook