Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: CHIUSURA MUSEO DEL MARE, DIVERBIO BIANCO-STANCANELLI

CATANIA: CHIUSURA MUSEO DEL MARE, DIVERBIO BIANCO-STANCANELLI

“Il senatore Enzo Bianco con una nota accusa l'amministrazione comunale di Catania e dice è da "Miopi chiudere il Museo del mare". Subito dopo replica il sindaco uscente Raffaele Stancanelli: "il Museo sarà trasferito all'istituto nautico per risparmiare i soldi dell'affitto". E ancora dopo spunta un documento che smentisce in parte il primo cittadino. comunque si raspira già il clima elettorale”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. La notizia che Bianco contesta è l’imminente chiusura del Museo del mare. Invece, secondo Stancanelli, sarà trasferito. Ma un documento agli atti del Comune, diffuso dal Pd cittadino, smentirebbe le intenzioni iniziali del trasferimento che invoca il primo cittadino. Dopo una raffica di comunicati stampa tra i due candidati di opposto schieramento, un confronto serrato che si presenta alla città già un in clima di campagna elettorale in vista delle amministrative che si terranno a maggio nella città etnea.

A dare la notizia con una nota è stato Enzo Bianco, che ha attaccato con intransigenza l’amministrazione comunale. “La chiusura del Museo del mare da parte di Stancanelli – si legge nella nota – rappresenta un atto di gravissima miopia e di trascuratezza nei confronti di un settore economico, quello del turismo, che andrebbe invece valorizzato al massimo. Tre anni fa – continua Bianco – non solo il Museo del mare, ma il Museo Belliniano-Emilio Greco e persino il Museo civico del Castello Ursino, con un colpo di penna furono fatti diventare dall’Amministrazione Stancanelli servizi a domanda individuale. Ciò comportava che recuperassero il 36% dei costi di esercizio, ma era prevedibile che questo non sarebbe stato possibile senza un’operazione di rilancio che passasse da un’adeguata programmazione anche promozionale. Che, ovviamente, non c’è stata. Così il Museo del mare è soltanto la prima vittima di questa scelta perversa, che tra l’altro va a colpire l’identità stessa di un importante quartiere storico catanese, quello di Ognina, che nel 2000, sotto la mia sindacatura, aveva fortemente voluto questa struttura in cui avevano trovato posto attrezzi e utensili per la pesca e nautici donati dai pescatori, splendide conchiglie e rari reperti archeologici. Leggere adesso sul sito del Comune la descrizione del Museo – conclude Bianco – mette angoscia e tristezza: sembra ormai soltanto una necrologia. Ma bisogna impedire questo delitto.

Dopo le esplicite comunicazioni del senatore Pd, la risposta di Stancanelli. “Nessuna chiusura del Museo del Mare ma solo un trasferimento nell’Istituto Nautico, sede più adatta di quella attuale di cui l’Amministrazione Comunale pagava fitti passivi: tanto che ho già preso accordi col Commissario Straordinario della Provincia regionale per attuarlo prima possibile.  Quest’iniziativa serve a riqualificare la spesa di un servizio che va necessariamente riconsiderato sotto il profilo della gestione economica. L’esperienza insegna, però, che questo aspetto al senatore Bianco non interessa granchè”.

Poco dopo le esternazioni del sindaco uscente, il Pd di catania ha diffuso un documento( che pubblichiamo). “Il sindaco Stancanelli o mente o non sa neanche cosa accade al Comune. Nel documento, il dirigente del dipartimento cultura, arch. Augusta Manuele, parla esplicitamente di chiusura del Museo del Mare da parte dell’amministrazione Stancanelli e del trasferimento di tutto il personale ad altri incarichi. Nel documento non si parla affatto del trasferimento del Museo nell’Istituto Nautico. A meno che non si tratti di un’ennesima soluzione estemporanea di Stancanelli”.

museo_del_mare_documento_chiusura

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook