Archiviato in | Cronaca Sindacale, Lavoro

VERTENZA ALMAVIVA: CALCOLATI 400 ESUBERI TRA CATANIA E NAPOLI

VERTENZA ALMAVIVA: CALCOLATI 400 ESUBERI TRA CATANIA E NAPOLI

“Nel pomeriggio si è tenuto il vertice a Roma tra sindacati, i rappresentanti dell’azienda di call center e Vodafone. I sindacati dicono che la: "Compagnia telefonica sensibile agli appelli territoriali, adesso trattativa per gli ammortizzatori sociali - Gli esuberi sono ufficialmente 400 - ufficializza il segretario provinciale della Slc Cgil, Davide Foti - ma da suddividere tra Catania e Napoli”.

Print Friendly, PDF & Email

Vertenza Almaviva.  Concluso a Roma, nella sede di Almaviva, l’incontro tra i responsabili dell’azienda di call center, i sindacati e la Vodafone. La Cgil di Catania, in una nota, sottolinea che “la compagnia telefonica  si è dimostrata disponibile al confronto e si è dichiarata sensibile agli appelli dei territori”. E poi si aggiunge nella nota che: “Gli esuberi sono ufficialmente 400 – ufficializza il segretario provinciale della Slc Cgil, Davide Foti – ma da suddividere tra Catania e Napoli. Questa novità ci offre la possibilità di aprire nuovo spazi di trattativa e di tentare la carta degli ammortizzatori sociali. Nei prossimi giorni ci incontreremo con Almaviva per definire i termini della nostra controproposta”. Inizialmente si era parlato di 650 esuberi solo a Catania ma  dopo il tavolo che si è tenuto nel pomeriggio a Roma si è paventata la possibilità di diminuire il numero a 400 tra Catania e Napoli.

Da stamane a Misterbianco, i lavoratori del call center hanno organizzato un presidio ai cancelli dell’azienda a difesa del loro posto di lavoro. Al presidio hanno preso parte attivisti del progetto “Catania è Patria” che ha affisso uno striscione con scritto “Delocalizzare è tradire”. Inoltre erano presenti i deputati, nazionale Luisa Albanella (Pd) e regionale Concetta Raia (Pd). Con loro una rappresentanza dell’amministrazione comunale di Misterbianco.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook