VERTENZA ALMAVIVA: LUNEDÌ I SINDACATI INCONTRERANNO I VERTICI VODAFONE

VERTENZA ALMAVIVA: LUNEDÌ I SINDACATI INCONTRERANNO I VERTICI VODAFONE

“I sindacati a Roma incontreranno i dirigenti della Vodafone. Nello stesso momento i lavoratori organizzeranno un sit-in davanti al call center Vodafone di Misterbianco, dove è stato pianificato un esubero di quasi 600 dipendenti. I sindaci etnei hanno già espresso la loro solidarietà per la situazione che si è venuta a creare”.

Print Friendly, PDF & Email

Vertenza Almaviva.  Previsto un incontro a Roma in merito alla vertenza del call center Almaviva. L’appuntamento è previsto nel primo pomeriggio di lunedì, e si prevede un tavolo tra organizzazioni sindacali, i vertici nazionali dell’azienda e di Vodafone. In contemporanea con la riunione i lavoratori terranno un presidio davanti la sede della società a Misterbianco. Nell’azienda di Misterbianco è previsto un esubero di circa 600 dipendenti. “Riteniamo inaccettabile l’atteggiamento intimidatorio, discriminatorio e vessatorio di Vodafone – afferma Davide Foti segretario della Slc Cgil di Catania – nessuno può permettersi di scegliere per conto dei propri out sourcer dove e come creare esubero di manodopera, e ricordiamo che nel nostro territorio si decreterebbe la fine di tutte le attività di Almaviva”. Il segretario della Uilcom di Catania, Nuccio Strano dice: “non è disponibile ad accettare nessuno dei 597 licenziamenti, perchè riteniamo strumentale l’atteggiamento di Vodafone nel volere a tutti i costi chiudere un centro di eccellenza come Catania”. Invece, per il segretario della Fistel Cisl Catania Giovanni Cristofaro: “è inammissibile che Vodafone decida dove licenziare e dove far assumere” e per questo il sindacato “rigetta qualunque soluzione che possa determinare anche un solo licenziamento a Catania, peraltro sempre sede di eccellenza e qualità”.

“Alle lavoratrici e ai lavoratori di Almaviva Contact spa del sito di Misterbianco, molti dei quali residenti nei comuni dell’interland, confermiamo tutto  il nostro sostegno” affermano in una nota congiunta i sindaci Nino Di Guardo (Misterbianco, Pippo Glorioso (Biancavilla), Angelo Giuffrida (Motta Sant’Anastasia) e Mauro Mangano (Paternò). “Questo grave momento, nel corso del quale, rischia di venire meno gran parte dell’occupazione soprattutto giovanile – si legge ancora nel documento – che è riuscita grazie al proprio impegno a venire fuori dalla piaga del precariato occupazionale e sociale, viene vissuto da noi con grande attenzione e partecipazione. Il processo di delocalizzazione all’estero di attività, che sta minando nelle fondamenta le certezze di chi, nel lavoro di call center, ha iniziato a costruire il proprio futuro nel lavoro a tempo indeterminato – aggiungono i quattro sindaci – va debellato intervenendo sul sistema delle concessioni governative. Così come l’impegno della nostra migliore gioventù in tale attività  e la qualità del servizio reso agli utenti, e che è tale grazie al lavoro, va salvaguardato e premiato. Il destino dei 1.550 lavoratori che lavorano a tempo indeterminato ad Almaviva e degli gli altrettanti lavoratori ancora precari – continuano i sindaci –  non deve essere deciso a tavolino secondo eventuali logiche discriminatorie e nel corso di qualsiasi discussione, chi pensa di poter decidere delle sorti del territorio,  deve tenere conto della responsabilità sociale d’impresa. Confermiamo quindi il nostro impegno – concludono i capi delle amministrazioni della città – a sostegno dei lavoratori e l’apertura di un tavolo di monitoraggio per la ricerca delle soluzioni atte a mantenere l’occupazione stabile e qualificata nel territorio”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook