Archiviato in | Calcio, Sport, Sport Brevi

CALCIO SERIE A: CATANIA IN CORSA PER L’EUROPA, SCONFIGGE L’UDINESE 3 – 1

CALCIO SERIE A: CATANIA IN CORSA PER L’EUROPA, SCONFIGGE L’UDINESE 3 – 1

"Decisiva la doppietta del Papu nei primi venti minuti della ripresa, cui ha fatto seguito la solita punizione di Lodi (deviata dalla barriera) e il gol della bandiera di Luis Muriel per i bianconeri. Il Catania di Maran vola così a 45 punti, frantumando tutti i record e tenendo viva la fiamma della speranza di un clamoroso approdo in Europa League".

Print Friendly, PDF & Email

Calcio srerie A. Dopo le sconfitte maturate nei finali di partita con Inter e Juventus, il Catania torna a vincere, come ormai d’abitudine al Massimino. Gli etnei superano per 3 a 1 i diretti concorrenti alla corsa per un posto in Europa dell’Udinese, grazie al trio argentino Gomez-Castro-Barrientos che incanta il pubblico rossazzurro mandando tre volte in bambola la difesa friulana. Decisiva la doppietta del Papu nei primi venti minuti della ripresa, cui ha fatto seguito la solita punizione di Lodi (deviata dalla barriera) e il gol della bandiera di Luis Muriel per i bianconeri. Il Catania di Maran vola così a 45 punti, frantumando tutti i record e tenendo viva la fiamma della speranza di un clamoroso approdo in Europa League.

Mister Maran ritrova Legrottaglie al centro della difesa, dove invece manca Nicolas Spolli, fermato per due turni dal giudice sportivo, rimpiazzato da Bellusci. A centrocampo si rivede il trio titolare Almiron-Izco-Lodi, mentre in avanti il tecnico etneo, forte del rientro di Barrientos, opta per uno schieramento senza punte di peso, con Gomez e Castro ad alternarsi nel ruolo di riferimento avanzato. Nell’Udinese Guidolin deve fare a meno del suo capitano Totò Di Natale, rimpiazzato da Merkel, e ancora di Lazzari, faro del centrocampo bianconero.

Il primo tempo del Massimino si gioca sul filo dell’equilibrio, con Danilo che tiene molto bene d’occhio Gomez, non facendolo praticamente mai girare. Castro e Barrientos hanno poche chance di inserimento e la prima frazione finisce per premiare la voglia degli ospiti, con Merkel molto attivo sulla trequarti e Muriel sempre pericoloso in velocità. Sulla fascia destra dei friulani Faraoni mette più volte in difficoltà Marchese, che fatica a prendergli le misure, mentre Lodi è spesso impreciso e gli etnei faticano a ripartire una volta conquistata palla. A centrocampo Allan e Almiron dettano tempi ed uscite, risultando i maggiori protagonisti data la totale assenza di tiri dalle parti di Brkic e Andujar.

Come spesso gli accade, Maran all’intervallo azzecca le migliorie tattiche più oculate e nella ripresa la partita cambia volto. Dopo appena 45’’ Gomez sguscia via da par suo a Benatia che lo stende e si becca il primo giallo della gara. È la scintilla che accende il Catania: passano appena 3 minuti e proprio il Papu porta in vantaggio gli etnei a conclusione di una splendida azione nata da un’invenzione di Barrientos e rifinita da Castro. L’Udinese non riesce a reagire e gli etnei, soprattutto grazie al gran lavoro di Almiron in fase di rottura, prendono il controllo del campo, chiudendo il match a metà ripresa. Ancora la premiata ditta argentina protagonista: stavolta Castro serve Barrientos, finta di corpo e cross col destro (il piede debole del Pitu) preciso per la testa dell’accorrente Gomez che fa 2 a 0. La doppietta del Papu annichilisce i friulani, cui poco serve l’ingresso in campo di Ranegie al posto di Merkel. Anzi, al 71’ il Catania cala il tris: la punizione di Lodi è deviata dalla barriera e si insacca in rete beffando Brkic. Tre a zero e gol dell’ex per il centrocampista napoletano. Il Catania chiude la gara e abbassa la tensione, permettendo a Muriel di accorciare le distanze nel finale. Gli ospiti però non hanno più la forza di rendersi pericolosi e la gara non offre più spunti di rilievo.

Il tabellino.

CATANIA-UDINESE 3-1

MARCATORI: 4′ st e 22′ st Castro, 26′ st Lodi, 36′ st Muriel

CATANIA (4-3-2-1): Andujar; Alvarez, Bellusci, Legrottaglie, Marchese; Lodi, Almiron (34′ st Biagianti); Izco, Barrientos, Gomez (45′ st Doukara); Castro (47′ st Keko). In panchina: Frison, Terracciano, Potenza, Rolin, Salifu, Ricchiuti, Bergessio, Cani, Petkovic. Allenatore: Maran.

UDINESE (3-5-1-1): Brkic; Benatia (42′ st Zielinski), Danilo, Angella; Faraoni (14′ st Campos Toro), Badu, Allan, Merkel (34′ st Ranegie), Gabriel Silva; Pereyra; Muriel. In panchina: Padelli, Pawloski, Berra, Rodriguez, Marsura. Allenatore: Guidolin

ARBITRO: De Marco di Chiavari

NOTE: Spettatori: 16.000 circa. Espulso al 12′ st Potenza per proteste. Ammoniti: Benatia, Bellusci. Angoli: Recupero: 1′; 4′.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook