Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: TRE FRATELLINI VIOLENTATI, IL PM FURNARI CHIEDE 11 ANNI

PALERMO: TRE FRATELLINI VIOLENTATI, IL PM FURNARI CHIEDE 11 ANNI

“Il cinquantanovenne Fabio Scavo avrebbe violentato ripetutamente i tre fratellini, due dei quali minorati con terribili racconti. A denunciare gli abusi è stato il maggiore dei bambini. L'uomo era un amico di famiglia. Scavo era stato condannato in passato per avere violentato la figlia 14enne della ex convivente, rimasta incinta dopo gli abusi”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Fabio Scavo palermitano di 59 anni, avrebbe violentato i tre fratellini, due dei quali minorati, accusato dal maggiore, è stato arrestato e processato. Oggi il pm Fabiola Furnari ha chiesto la condanna dell’imputato a 11 anni di carcere. Il processo si svolge davanti ai giudici della seconda sezione del tribunale e ha avuto input da una segnalazione della Procura dei minori che ha allontanato dalla famiglia d’origine i tre bambini che all’epoca dei fatti avevano 4, 6 e 7 anni. I servizi sociali hanno denunciato le condizioni di estremo degrado in cui vivevano e li ha affidati a una casa-famiglia. Ai responsabili del centro il più grande dei tre bambini ha raccontato le violenze subite da Scavo che, amico di famiglia, andava a casa delle vittime e, nonostante i genitori fossero presenti, si appartava in una stanza con i fratellini e ne abusava ripetutamente.

Drammatici e terribili i racconti del piccolo, sentito dal pm e dai giudici in presenza di uno psichiatra. Il bimbo, ritenuto pienamente attendibile, ha riferito di avere anche avvertito i genitori di ciò che accadeva a lui e i fratelli, ma di non essere stato creduto. Il minore, durante gli interrogatori, ha più volte manifestato sensi di colpa per non avere difeso i fratellini affetti da deficit psichici e fisici. Dalle indagini è emerso, inoltre, che Scavo era stato condannato in passato per avere violentato la figlia 14enne della ex convivente, rimasta incinta dopo gli abusi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook