Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SICILIA: CORTE DEI CONTI, “NELL’ISOLA CORRUZIONE POLITICA DILAGANTE”

SICILIA: CORTE DEI CONTI, “NELL’ISOLA CORRUZIONE POLITICA DILAGANTE”

“Con la consueta cerimonia si è aperto l'anno giudiziario della Corte dei conti: "La corruzione in politica è un fenomeno diffuso - Nel 2012 contestati danni erariali per 114 milioni di euro. In aumento debiti fuori bilancio e troppe consulenze".

Print Friendly, PDF & Email

Sicilia. Lo scorso anno sono state aperte 5.450 istruttorie, a 375 persone sono stati contestati un danno erariale di 114.314.637,97. A chiusura della attività istruttoria, la Procura regionale ha depositato 105 atti di citazione in giudizio a carico di 200 soggetti, per un danno erariale accertato di 65.110.051,08 di euro; la Procura ha ottenuto condanne per 86.595.310,48 milioni di euro. “Per lo più le vicende oggetto di attività istruttoria – ha spiegato il procuratore regionale Guido Carlino – sono caratterizzate e accomunate da sperperi di risorse, inefficienze e diseconomicità dell’azione amministrativa, con l’aggravante, in molte ipotesi, dell’esistenza di condotte finalizzate al conseguimento di personale vantaggio dall’esercizio delle funzioni istituzionali, con pregiudizio per l’erario pubblico, anche in termini di lesione dell’immagine della pubblica amministrazione”.

Continua il procuratore Carlino: “La corruzione in politica è un fenomeno diffuso. Per questo il legislatore ha messo in campo misure finalizzate a un controllo più efficace sulla gestione delle risorse pubbliche per impedire l’ulteriore verificarsi di gravi episodi di cattiva amministrazione, sintomatici di un preoccupante calo di tensione morale nella politica e nella gestione della cosa pubblica”. Lo ha detto il procuratore regionale Guido Carlino in occasione della cerimonia di apertura dell’anno giudiziario 2013 della Corte dei conti per la Sicilia. Carlino ha puntato il dito anche verso la cattiva gestione degli enti locali in Sicilia: “In molti di tali enti – ha sostenuto – sono presenti gravi situazioni di squilibrio nei conti, determinate anche da una crescente massa di debiti fuori bilancio. La Procura è impegnata nella individuazione di danni sottesi ad indebitamento non consentito nonchè nel perseguimento di atti elusivi del patto di stabilità e nella individuazione di responsabilità soggettive nella determinazione del dissesto finanziario”.

Sulla gestione del personale, Carlino ha evidenziato i danni accertati in ordine ad assunzioni illegittime e a inadempienze di vario tipo nello svolgimento della attività lavorativa e ha fatto riferimento anche a indagini sull’affidamento di consulenze ovvero di incarichi dirigenziali esterni, conferiti in carenza di adeguati requisiti professionali in capo ai nominati e senza previa verifica dell’esistenza di professionalità interne. Carlino ha affrontato anche il tema della riscossione di entrate e tributi. Il procuratore ha segnalato danni a carico di agenti della riscossione nonchè di privati incaricati di riscuotere entrate per conto della pubblica amministrazione nonchè di tesorieri degli enti. “In materia di appalti o di forniture, abbiamo più volte segnalato – ha affermato – l’ipotesi di inadeguata cura degli interessi erariali nell’esecuzione dei contratti pubblici”. Un’ampia parte della relazione è stata dedicata alla sanità. Sono stati segnalati dalla Procura della Corte dei Conti illeciti di vario tipo nelle procedure di acquisizione di beni e servizi, nella attività professionale extra moenia e nel conferimento di incarichi nonchè casi di “malasanità” per danni da erronea diagnosi ovvero da interventi chirurgici non correttamente eseguiti.  Il presidente della Corte dei Conti, Luciano Pagliaro, ha aggiunto: “I fenomeni della corruzione e della concussione hanno assunto caratteri di sistematicità e vastità, ma purtroppo, in mancanza di un’esplicita denuncia o di una scoperta in flagranza, i reati sono difficilmente accertabili e, come segnalato dal Presidente della Corte di Appello, nella relazione per l’inaugurazione dell’anno giudiziario, la quasi totalità delle indagini contraddistinte da successo si è fondata sull’attività di intercettazione telefonica ed ambientale”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook