Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GELA (CL): ANZIANA MUORE D’INFARTO DOPO CHE LE BRUCIANO L’AUTO

GELA (CL): ANZIANA MUORE D’INFARTO DOPO CHE LE BRUCIANO L’AUTO

“Non ha retto il cuore alla signora Grazia dopo che si è prodigata per spegnere l'incendio provocato da due giovani ripresi dalle telecamere installate dal marito, poi cade in terra e nel pomeriggio muore. Il figlio addolorato: "Si tratta di omicidio". Nella cittadina si verificano quattro roghi dolosi alla settimana. Forze dell’ordine in allerta”.

Print Friendly, PDF & Email

Gela. Incendiano di notte l’automobile del marito una Lancia Ypsilon 10. L’anziana donna, svegliata di soprassalto dallo scoppio dei pneumatici, scende in strada e in attesa dei vigili del fuoco si prodiga con parenti e vicini per spegnere il rogo. Ma il cuore non regge, si sente male, e nel pomeriggio, muore. E’ accaduto ieri in via Stoppani, a Gela, nel quartiere San Giacomo. La vittima è una pensionata di 77 anni, Grazia Iannizzotto. L’attentato incendiario, registrato da due telecamere di video-sorveglianza installate dal marito, Cristoforo Giudice, è stato compiuto da due giovani, con la faccia nascosta, arrivati in bicicletta. Il filmato è ora al vaglio della polizia che indaga sull’episodio. Anni addietro la coppia aveva subito l’incendio di un’altra auto parcheggiata sotto casa. Gli incendi dolosi, a Gela, sono diventati un fenomeno che ormai caratterizza la cittadina gelese, le statistiche certificano la media è di 4 a settimana. Il motivo nella maggior parte dei casi è la vendetta. Gli inquirenti indagano su questi fatti incresciosi che a volte possono diventare drammatici.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook