Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DELITTO VALENTINA SALAMONE: LA MOGLIE DEL PRESUNTO OMICIDA, “MIO MARITO INNOCENTE”

DELITTO VALENTINA SALAMONE: LA MOGLIE DEL PRESUNTO OMICIDA, “MIO MARITO INNOCENTE”

“La moglie del presunto omicida, Piera Castelli difende a spada tratta il marito Nicola Mancuso, il trentenne di Adrano accusato dell'omicidio di Valentina Salamone”.

Print Friendly, PDF & Email

Delitto Valentina Salamone. Non ha alcun dubbio Piera Castelli, la moglie dell’indagato per la morte di Valentina Salamone e dice “Mio marito è innocente al 101%”. Nicola Mancuso è il trentenne accusato di aver ucciso la sua giovane amante Valentina Salamone, la diciannovenne di Biancavilla trovata impiccata il 24 luglio del 2010 in una villetta di Adrano. La castelli intervistata dall’emittente catanese Rei tv, parla all’indomani dell’interrogatorio di garanzia del marito che è rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza da due giorni. “Pagheranno tutti, dalla famiglia agli avvocati, perché – dice – la verità verrà ora a galla. Hanno preso un innocente e lo hanno rinchiuso. Ci hanno buttato fango e ora devono pagare perché mio marito presto uscirà, faremo di tutto per farlo uscire”. Il Mancuso secondo la nuova indagine avrebbe simulato il suicidio della ragazza. L’uomo è stato arrestato lunedì all’alba dai carabinieri di Catania nella sua abitazione di Adrano dove vive con la moglie e i figli. Ascoltato dai magistrati, avrebbe ribadito di aver lasciato quella sera la villetta dove era in corso una festa e di non esservi più ritornato.

La moglie però non ricorda l’orario di rientro a casa del marito quella notte. “Impossibile ricordare una notte di due anni fa. – ripete la Castelli – io non sapevo nulla della relazione di mio marito con Valentina. Anche se non si trattava di una relazione ma forse di una cosa così… Poi è uscito tutto questo clamore che hanno fatto i giornalisti la famiglia e la televisione. Hanno ingigantito la cosa, hanno preso una persona senza che aveva fatto nulla e l’hanno rinchiusa, ma pagheranno – e conclude – Tempo al tempo”. Le accuse contro Mancuso, sostiene la moglie, “si basano su indagini che non rispecchiano la realtà. Mio marito sino a quando sono venuti a prenderlo non sapeva neanche il motivo. Perché uno che ha la coscienza pulita non si fa di tutti questi problemi.  I legali chiederanno una consulenza di parte per verificare quanto riscontrato dai carabinieri del Ris di Messina”. Comunque sia, le indagini continuano e gli inquirenti tirano dritto per la loro strada.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook