Archiviato in | Politica

MOVIMENTO 5 STELLE: CRIMI DICE NO AL GOVERNO TECNICO SÌ A UN ESECUTIVO DEL M5S

MOVIMENTO 5 STELLE: CRIMI DICE NO AL GOVERNO TECNICO SÌ A UN ESECUTIVO DEL M5S

“Il capogruppo al Senato del Movimento 5 stelle Vito Crimi propone una sola soluzione, dato che il programma è chiaro. Mentre il capogruppo alla Camera Roberta Lombardi è risentita sulla strumentalizzazione alle frasi sul fascismo scritte su un blog”.

Print Friendly, PDF & Email

Movimento 5 stelle. Ieri, a Roma, dopo l’assalto dei giornalisti per la riunione dei 163 parlamentari del M5s, il palermitano Vito Crimi, neo capogruppo del Movimento 5 stelle al Senato, scrive sulla sua pagina Facebook e chiarisce le sue dichiarazioni. “Preciso che non ho mai parlato di appoggio a governo tecnico, l’unica soluzione che proponiamo è un governo del Movimento 5 stelle che attui subito e senza indugio i primi 20 punti del programma e a seguire tutto il resto. Il nostro programma è chiaro ed è stato annunciato in tutte le piazze e in streaming”. “In attesa di predisporre uno strumento per comunicare ufficialmente utilizzo questo – spiega Crimi facendo riferimento al social network -. Oggi e domani non risponderò a nessun giornalista. Le nostre parole di ieri in conferenza stampa sono state chiare e non lasciano dubbi. Prego tutti di rispettare la mia volontà ed evitate di chiedermi interviste o presenze radiotelevisive”.

Inoltre Crimi evidenzia che le dichiarazioni fatte sono sempre quelle non sono cambiate: “da ieri a oggi non è cambiato nulla. Abituatevi anche a chi dice sì per dire sì, no per dire no, senza interpretazioni. Ci aspettano alcuni giorni di lavoro e preparazione, per questo tutti noi parlamentari abbiamo bisogno che ci lasciate lavorare. Chiedo a tutti gli attivisti, simpatizzanti ed elettori di avere un attimo di pazienza, state scrivendo a un ritmo pauroso e non è facile in questo momento rispondere a tutti. Vi garantisco la coerenza, terremo la barra dritta: la nostra è una rivoluzione culturale pacifica e democratica e non la fermeremo, il nostro unico senso di responsabilità è verso gli elettori che ci hanno dato mandato di attuare questa rivoluzione culturale che comunque è già in atto malgrado le resistenze di coloro che sono attaccati a poltrone e privilegi”.

Intanto il capogruppo alla Camera Roberta Lombardi viene tirata in ballo per le sue dichiarazioni sul fascismo precisa: “Rimango allibita dalle strumentalizzazioni in atto su una frase estrapolata da un post sul mio blog – scrive nel suo sito -. Quella espressa era una analisi esclusivamente storica di questo periodo politico, che naturalmente condanno. In Italia il fascismo così come il comunismo è morto e sepolto da almeno trent’anni. Mi riferivo, facendo una analisi, al primo programma del 1919, basato su voto alle donne, elezioni e altre riforme sociali che sembravano prettamente socialiste rivoluzionarie e non certamente il preludio di una futura dittatura – prosegue -. Tutte proposte che poi Mussolini smentì già dall’anno seguente, in quello che fu un continuo delirio di contraddizioni. La caratteristica del fascismo fu infatti quella di cambiare sempre le carte in tavola, con l’unica costante che al centro del potere rimanevano sempre Mussolini e il suo partito unico. Potere che poi divenne dittatura in un crescendo di violenza. Fino ad arrivare al razzismo e la guerra. Questo il mio giudizio storico e politico, negativo su quell’esperienza. Ora possiamo pensare all’Italia del 2013. Ricordo a tutti che il M5s ha nel suo programma l’insegnamento della Costituzione italiana”.

In merito alla fiducia al governo, Beppe Grillo nel suo blog, chiarisce la volontà del movimento scrivendo che: “Il M5s non darà la fiducia a un governo tecnico, né lo ha mai detto. Non esistono governi tecnici in natura, ma solo governi politici sostenuti da maggioranze parlamentari. Il governo Monti è stato il governo più politico del dopoguerra, nessuno prima aveva mai messo in discussione l’articolo 18 a difesa dei lavoratori. Il presidente del consiglio tecnico è un’enorme foglia di fico per non fare apparire le vere responsabilità di governo da parte di pdl e pd menoelle”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook