Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: DOPO LA MORTE DI SALVATORE, LA FAMIGLIA CRISAFULLI QUERELA I MEDICI DELL’ASP

CATANIA: DOPO LA MORTE DI SALVATORE, LA FAMIGLIA CRISAFULLI QUERELA I MEDICI DELL’ASP

“Con una querela, i familiari di Salvatore Crisafulli chiedono che vengano accerrtate le cause della morte del congiunto, e lamentano una mancata visita pneumologica domiciliare e la mancanza del defibrillatore nell'ambulanza del 118 che soccorse il disabile. L'uomo, divenuto portatore di handicap 45 anni, viveva immobile a letto comunicando solo attraverso lo sguardo e il movimento degli occhi, assistito amorevolmente dalla madre e i fratelli”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. La morte di Salvatore Crisafulli potrebbe avere risvolti giudiziari. La famiglia, infatti, ha presentato alla questura di Catania una querela, chiedendo che vengano accertate le cause e la eventuale responsabilità dei medici e in particolare dell’Azienda sanitaria di Catania, che non avrebbe: “provveduto alla visita domiciliare del malato” e l’ambulanza del 118, “sprovvista di defribillatore”. Nell’esposto, i familiari ricostruiscono gli ultimi giorni di vita del loro spiegando che dopo aver notato l’aggravarsi delle condizioni di salute de fratello “era stata inoltrata richiesta di visita pneumologica domiciliare urgente a mezzo medico curante  la cui ricetta veniva consegnata all’Asp di Catania, che l’ha girata per fax all’ufficio competente solo tre giorni dopo, il 18 febbraio”.

Salvatore Crisafulli, è un disabile di 45 anni, era affetto da sindrome da “locked-in” dal 2003 a causa di un incidente stradale. Nel 2005 si era risvegliato dal coma vegetativo e rispondeva perfettamente alle sollecitazioni emotive della vita, sorridendo, lacrimando e comunicando con il solo movimento degli occhi e con lo sguardo, utilizzando un comunicatore oculare e un pc a scansione. Le sue condizioni si erano aggravate negli ultimi giorni. salvatore con il fratello Pietro aveva fondato l’associazione ‘Sicilia Risvegli’.  I fratelli hanno insistito per ottenere questa visita, ma hanno riferito che ogni sforzo per accelerare l’iter burocratico si era rivelato inutile. Era successo già lo scorso anno, denunciano i parenti, avevano lottato contro questa “noncuranza” da parte della strutture sanitarie. Il 21 febbraio la situazione si è aggravata a causa di una crisi respiratoria e dell’arresto cardiaco. I fratelli avevano telefonato più volte alla Azienda sanitaria per avere assistenza e per sollecitare ancora una volta una visita pneumologica a domicilio ma tutte le richieste, si legge nella querela, sono rimaste inascoltate. Immediatamente dopo, hanno deciso di chiamare il 118. Arrivata l’ambulanza, Salvatore ha subito un arresto cardiaco prontamente assistito dai medici con un massaggio cardiaco manuale senza poter provvedere con il defribillatore ma “l’ambulanza era sprovvista di defibrillatore”. “La triste storia di Salvatore – si legge nella denuncia – finiva li con lo stupore dei presenti con occhi sbigottiti a commentare  che forse sarebbe stato meglio non chiamare il 118 e portare l’ammalato direttamente in ospedale, visto il risultato”. Adesso la famiglia chiede giustizia, precisando nelle carte “che le persone post-comatosi in media vivono oltre i 20 anni”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook