Archiviato in | Calcio, Sport, Sport Brevi

CALCIO SERIE A: IL CATANIA SOGNA, L’INTER RIMONTA E VINCE 3 – 2

CALCIO SERIE A: IL CATANIA SOGNA, L’INTER RIMONTA E VINCE 3 – 2

"Quando tutto sembrava ormai perso, l'Inter rimonta e porta tre punti a casa. Doccia gelata per il Catania, cui servirà metabolizzare quanto prima questa incredibile sconfitta: solo con gli errori e con l’esperienza è pensabile proiettarsi verso traguardi prestigiosi".

Print Friendly, PDF & Email

Calcio serie A. Dopo quarantacinque minuti da sogno, il Catania si risveglia bruscamente sotto i colpi di Rodrigo Palacio. Sia gli etnei che l’Inter giocano agli antipodi le due frazioni: rossazzurri indemoniati nel primo tempo, più in forma, sempre prima sulle mezze palle e giustamente avanti per 2 a 0 grazie alle reti di Bergessio e Marchese; l’Inter praticamente non si vede mai con il trio Rocchi-Schelotto-Alvarez che non combina davvero nulla di positivo. Stramaccioni stravolge i suoi nell’intervallo, inserendo l’uomo che spacca la partita. Con due gol e un assist, Palacio spacca la partita, regalando ai nerazzurri un successo insperato. Palese però la resa degli etnei, troppo poco concentrato nel mantenere il vantaggio e nel reggere nervosamente. Che sia una bocciatura per il Catania “europeo” o meno, la poca maturità e forse la paura di vincere si sono rivelate armi deleterie per Maran e i suoi.

Tante assenze, l’Europa League di giovedì prossimo e un litigio: l’Inter si presenta alla partitissima del Massimino con molte defezioni e qualche scelta tecnica che fa discutere. Stramaccioni lancia infatti tutto il blocco delle seconde linee dal primo minuto, rinunciando inizialmente a Palacio. Nel Catania fuori Legrottaglie e Bellusci per squalifica, c’è Rolin accanto a Spolli in difesa. Ancora non al top Almiron e Barrientos, giocano Biagianti e il confermatissimo Castro.

Pronti-via e il Catania è già in vantaggio. Gli etnei aggrediscono da subito alta un’Inter poco sveglia e trovano il vantaggio già al 5’ grazie a Bergessio, che approfitta della dormita di Juan Jesus e supera Handanovic con un delizioso colpo sotto. I nerazzurri non riescono a reagire: Rocchi è pressato alto e non riesce a tenere palla, Kuzmanovic è ingabbiato e poco intraprendente in cabina di regia, Alvarez e Schelotto sono impalpabili. Passano appena dieci minuti e gli etnei raddoppiano: punizione pennellata di Lodi, stacco di Marchese e 2 a 0 meritato. Ottimo primo tempo anche di Castro e Pablo Alvarez, bravi a indovinare sempre tempi di giocata il primo e di uscita il secondo.

Stramaccioni si accorge che l’Inter non gira e memore del recente tracollo di Firenze opera due cambi all’intervallo che risulteranno decisivi: fuori Kuzmanovic e Rocchi, dentro Stankovic e Palacio. Sarà proprio “el Trenza” a stravolgere l’inerzia del match, caricandosi sulle spalle la squadra e guidando i nerazzurri ai tre punti. Prima dello show dell’argentino però, Bergessio ha una palla d’oro per il 3 a 0: poco lucido ed in precario equilibrio, il numero 9 etneo spara però addosso ad Handanovic. L’Inter prende coraggio e accorcia: fuga di Palacio dalla destra, palla dentro precisa e 2 a 1 di Ricky Alvarez. Etnei tramortiti e in debito d’ossigeno, non bastano le sportellate di Bergessio a reggere la reazione degli ospiti. Minuto numero 70: Pereira s’invola sulla sinistra, cross tagliato e colpo di testa perentorio di Palacio che fa 2 a 2. Ultimi venti minuti a ritmi molto blandi, con entrambe le squadre apparentemente paghe del risultato. Nel Catania fa l’esordio assoluto Cani (giallo dopo un minuto di gara), ma è l’Inter a crederci fino alla fine. A pochi minuti dal 90’ Cambiasso manca di pochissimo il bersaglio; al 92’, proprio Cambiasso serve Palacio dentro l’area: al numero 8 nerazzurro basta spingere la palla alle spalle di Andujar. Rimonta completata e tre punti portati a casa quando tutto sembrava ormai perso. Doccia gelata per il Catania, cui servirà metabolizzare quanto prima questa incredibile sconfitta: solo con gli errori e con l’esperienza è pensabile proiettarsi verso traguardi prestigiosi.

Il Tabellino.

CATANIA-INTER 2-3
Marcatori: 7′ Bergessio, 19′ Marchese, 7′ st Alvarez, 25′ st e 47′ st Palacio

Catania: 21 Andujar; 22 Alvarez, 3 Spolli, 5 Rolin, 12 Marchese; 27 Biagianti (32′ st Almiron), 10 Lodi; 13 Izco, 19 Castro, 17 Gomez; 9 Bergessio (40′ st Cani)
A disposizione: 1 Frison, 2 Potenza, 18 Augustyn, 8 Sciacca, 24 Ricchiuti, 26 Keko, 30 Salifu, 34 Messina, 35 Doukara
Allenatore: Maran

Inter: 1 Handanovic; 4 Zanetti, 26 Chivu, 40 Juan Jesus, 31 Pereira; 14 Guarin (32′ st Cambiasso), 17 Kuzmanovic (1′ st Stankovic), 21 Gargano; 7 Schelotto, 18 Rocchi (1′ st Rocchi), 11 Alvarez
A disposizione: 30 Carrizo, 77 Di Gennaro, 28 Pasa, 33 Mbaye, 42 Jonathan, 10 Kovacic, 24 Benassi, 47 Colombi
Allenatore: Stramaccioni

Arbitro: Mauro Bergonzi

Note. Ammoniti: Pablo Alvarez, Rolin, Handanovic, Bergessio, Schelotto, Cani. Recupero: pt 2, st 4.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook