Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: CASO RACITI, LA MADRE DI SPEZIALE DENUNCIA AGENTE

CATANIA: CASO RACITI, LA MADRE DI SPEZIALE DENUNCIA AGENTE

“Rosa Lombardo madre di uno dei responsabili dell’omicidio Raciti ha denunciato un poliziotto per falsa testimonianza: "Ha affermato cose completamente diverse rispetto alle prime dichiarazioni – ha detto la Lombardo - Sono certa che Antonino è innocente"

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Nella denuncia la madre di Speziale, che si vuole costituire parte civile in un eventuale procedimento, sostiene che nei giorni successivi alla morte di Raciti “il teste aveva riferito di aver visto l’ispettore di polizia portarsi le mani alla testa dopo aver sentito un botto mentre andava in retromarcia con il Discovery” aggiungendo che “quanto è stato dichiarato da Lazzaro non è stato da lui confermato in dibattimento davanti al tribunale per i minorenni di Catania, al quale Lazzaro disse di aver notato Raciti lontano dal Discovery di circa 10 metri”. Nell’esposto la donna, assistita dall’avvocato Giuseppe Lipera, sostiene che un agente di polizia, Salvatore Lazzaro, che quel giorno era alla guida di un Discovery, avrebbe affermato in dibattimento “cose completamente diverse dalle dichiarazioni rese nell’immediatezza della tragedia”.

E poi dice: “Sono convinta, pertanto, anzi sono sicura e certa – scrive Rosa Lombardo – dell’innocenza di mio figlio e sono certa che se Lazzaro avesse raccontato i fatti per come sono accaduti e per come li ebbe a narrare nell’immediatezza il tribunale sarebbe giunto a una decisone diversa”. Per questo chiede che siano sentite le dichiarazioni di alcuni testimoni “non tenute in considerazione dai giudici”. La tesi del fuoco amico nel processo Raciti è stata presentata , ma bocciata per ben tre volte in altrettante sedi di giudizio, compresa in Cassazione con la condanna definitiva a 8 anni di reclusione per omicidio preterintezionale di Speziale. “Dopo quasi sei anni dai fatti mi sono convinta che mio figlio è servito come capro espiatorio perché non ci sono elementi di prova a suo carico della morte del povero ispettore di polizia”. A scriverlo, nella denuncia per falsa testimonianza in processo penale, è Rosa Lombardo, madre di Antonino Speziale, condannato per la morte di Filippo Raciti, il 2 febbraio del 2007 durante gli scontri al Massimino dove si giocava il derby Catania-Roma.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook