Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ELEZIONI: NIENTE MAGGIORANZA AL SENATO. SICILIA, IN TESTA BERLUSCONI E GRILLO

ELEZIONI: NIENTE MAGGIORANZA AL SENATO. SICILIA, IN TESTA BERLUSCONI E GRILLO

“Il centrodestra rimonta sul centrosinistra. In sicilia, Pdl al 31,5%, Movimento 5 Stelle primo partito e seconda coalizione con il 31,2%, Pd-Sel al 26,1%. Monti non cresce. Rivoluzione Civile non raggiunge il quorum e Ingroia dice: "Ingovernabilità? Colpa di Bersani". Lupo: "Il Pd non ha commesso errori". Crocetta: "Non hanno capito la lezione siciliana". Affluenza al 75,16%.

Print Friendly, PDF & Email

Elezioni. il Movimento 5 stelle saluta con un lungo applauso l’annuncio dei risultati parziali al Senato che in Sicilia sfiora il 30%, a poca distanza dalla coalizione di centrodestra e si confermano il primo partito nell’isola. Al comitato elettorale sono presenti il capolista al Senato, Francesco Campanella, e Fabrizio Bocchino, quinto senatore in lista, originario di Trapani ma residente nel capoluogo dove fa il ricercatore astronomico. “Gli elettori hanno premiato un nuovo modo di fare politica”, ha commentato Campanella. Non vogliamo fare piu di due mandati per non perdere il contatto con la realtà – continua – sentiamo la responsabilità di quello che abbiamo raccolto”. Intanto nella sede del comitato elettorale 5 stelle si aspettano ancora conferme ulteriori sui dati ma intanto è già festa. Il presidente Crocetta dice dalla sede del comitato del megafono a Palermo, così commenta i risultati: “Il Pd non ha capito la lezione siciliana, c’è stata una valutazione errata a livello nazionale: bisognava allearsi con l’Udc e a Casini dico che anche lui sarebbe stato eletto”. Riguardo proprio alla lista del Megafono per il Senato, Crocetta continua: “Abbiamo confermato il risultato delle regionali (circa 6%) e siamo l’unica forza autonomista in Sicilia. Un governo tecnico? No, tocca a Bersani fare le alleanze per creare una maggioranza sui programmi, come ho fatto io in Sicilia”.

Ingroia non raggiunge il quorum e dal comitato del movimento commenta:”Rivoluzione civile non è finita con questo risultato, ma continuerà anche fuori dal Parlamento, per preparare le prossime elezioni”. A parlare è il leader del movimento, Antonio Ingroia, confermando il proseguimento del suo impegno politico. Poi continua: “Il centrosinistra ha perso queste elezioni, consegnando il Paese al centrodestra o all’ingovernabilità, è difficile fare previsioni. Il mancato raggiungimento del quorum? Sapevamo che era difficile. La responsabilità è di Bersani – continua il leader di Rivoluzione civile – il centrosinistra ha rifiutato qualsiasi confronto con noi e questo è il risultato: Bersani porta la responsabilità di consegnare il paese o al centrodestra o all’ingovernabilità”

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook