Archiviato in | Università

UNIVERSITÀ CATANIA: ELEZIONI RETTORE, IN TESTA PIGNATARO E VECCHIO

UNIVERSITÀ CATANIA: ELEZIONI RETTORE, IN TESTA PIGNATARO E VECCHIO

“Si è concluso il primo turno di votazioni per l'elezione del rettore che andrà a reggere le sorti dell'Università dal 2013-2019. Si è tenuto oggi lo spoglio, affluenza al 92,51%. In corsa anche Enrico Iachello e Giacomo Pignataro (Le 4 schede all'interno). Il vincitore prenderà il posto dell'uscente Recca e guiderà l'università fino al 2019”

Print Friendly, PDF & Email

Università Catania. L’affluenza è stata del 92,51% per quanto riguarda i docenti e gli studenti aventi diritto (1.433 votanti su 1549: 1437 docenti e 112 studenti) e del 86,95% per quanto riguarda il personale tecnico amministrativo (1093 su 1257 aventi diritto). I voti espressi dal personale tecnico amministrativo vengono attribuiti nella proporzione del 10% del numero dei docenti aventi diritto al voto (alla chiusura delle urne i voti effettivi del personale tecnico amministrativo sono quindi 125).I quattro candidati sono i docenti ordinari Vittorio Calabrese, Enrico Iachello, Giacomo Pignataro e Giuseppe Vecchio. Al termine dello scrutinio di tutte le schede docenti, si profila un testa a testa tra Pignataro (668)  e Vecchio (624). Staccato Iachello (102) e Calabrese (2). Alle 19 si è insediata, nell’aula magna del Palazzo Centrale dell’Università, la commissione elettorale (composta da Mario Marino, Adriana Ciancio, Attilio Toscano, Carlo Vicarelli), che riceverà dai presidenti dei sei seggi elettorali le urne (sigillate) contenenti le schede votate. In seduta pubblica verranno dapprima aperte le tre urne contenenti le schede votate dai docenti e dai rappresentanti degli studenti (schede bianche), quindi si procederà allo spoglio. Un’operazione analoga verrà poi fatta per le tre urne contenenti le schede votate dal personale tecnico-amministrativo (schede azzurre).

I voti del personale tecnico-amministrativo contribuiscono all’elezione del rettore in misura ponderata corrispondente al 10% del numero dei docenti aventi diritto al voto, con arrotondamento all’unità superiore. Considerato che i docenti aventi diritto al voto sono 1.437 e che un decimo di questo numero è 143,7, il personale tecnico-amministrativo contribuisce all’elezione del rettore con 144 voti. Considerato che i rappresentanti degli studenti aventi diritto al voto sono 112, nella votazione di oggi potrà essere eletto rettore il candidato che abbia ottenuto almeno 847 voti. Il rettore sarà eletto a maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto. In caso di mancata elezione al primo turno, il secondo turno si svolgerà giovedì prossimo, 28 febbraio, l’eventuale terzo turno giovedì 7 marzo e l’eventuale quarta votazione giovedì 14 marzo (le prime tre votazioni a maggioranza assoluta degli aventi diritto, la quarta votazione di ballottaggio fra i primi due classificati nella terza votazione).

 

NOTE SUI CANDIDATI:

GIUSEPPE VECCHIO. Nato a Giarre nel ’52 laureato in Giurisprudenza nel 1974, professore associato dal 1982, è professore ordinario di Diritto privato dal 1994. È stato preside della facoltà di Scienze politiche dal 2003 al 2009 e direttore del Dipartimento di Scienze politiche e sociali dal 2009 ad oggi. Dal 1994 al 2009 ha ricoperto incarichi provinciali e nazionali in Croce Rossa Italiana; dal 1996 al 2005 componente del Cga per la Regione Siciliana, dal 1997 è consigliere della filiale di Catania della Banca d’Italia. Ha svolto attività di ricerca in materia di Istituzioni bancarie, di Istituzioni di solidarietà e associazioni, di Istituzioni per il diritto all’istruzione e all’educazione, di disciplina legale dei partiti. Nel 1997 è stato insignito dell’onorificenza di Commendatore Grand’Ufficiale al merito della Repubblica Italiana. Nel 2012 è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica Italiana.

GIACOMO PIGNATARO. Nato a Caltagirone il 23 febbraio 1963, il prof. Giacomo Pignataro s’è laureato in Economia e commercio, nel 1986, sotto la guida del prof. Emilio Giardina. Ha studiato presso la University of York, dove ha conseguito il dottorato di ricerca in Economia. Dal 2002, è professore ordinario di Scienza delle finanze. L’attività scientifica degli ultimi anni si è concentrata nel campo dell’economia sanitaria e in questo ambito è stato responsabile di progetti regionali, nazionali e internazionali. Attualmente è presidente nazionale della società scientifica di Economia Sanitaria, nonché membro del comitato esecutivo della European Health Economics Association; nominato dal Ministro della Salute, fa parte del Comitato Strategico del progetto ministeriale che si occupa di definire un nuovo sistema di misurazione e valorizzazione dell’attività delle strutture ospedaliere.

ENRICO IACHELLO. Nato a Francofonte il 29 aprile 1952, Enrico Iachello dal 2012 è componente del Consiglio di Amministrazione dell’Università degli Studi di Catania; per sette anni, dal 2005 al 2012, è stato preside della facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Catania e dalla sua fondazione fino all’anno accademico 2004-2005 presidente del corso di laurea in Scienze dei beni culturali con sede a Siracusa. “Professeur Invité” nel 1996 a Parigi presso l’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales. Coordinatore del Dottorato di ricerca in Storia (Storia moderna), poi Dottorato di ricerca in “Storia della cultura della società e del territorio in età moderna” e, dal 2010 a oggi, “Dottorato in Scienze umanistiche e dei beni culturali”; dal 2011 Coordinatore nazionale del Master europeo Erasmus- Mundus in “European territories: identity and development”; dal 2008 presidente della Società di Storia Patria per la Sicilia Orientale fondata nel 1903.

VITTORIO CALABRESE. Nato a Ragusa l’8 settembre 1959, Vittorio Calabrese è professore ordinario di Biochimica clinica alla facoltà di Medicina, Dipartimento Scienze Chimiche. Laureatosi in Medicina nel 1984 e specializzato in Neurologia (1988), sempre a Catania. Attività accademica: direttore Scuola Specializzazione in Biochimica Clinica, Università di Catania, Messina e Palermo; postdoctoral fellow in Neurobiology (1987) alla New York University Medical School e alla Thomas Jefferson University Medical School diPhiladelphia (1989); presidente Euro- Mediterranean- Academy of Antiaging Medicine. Tematiche Scentifiche: ruolo dello stress ossidativo e della disfunzione mitocondriale nell’invecchiamento, nei disordini neurodegenerativi e nella longevità; antiossidanti nutrizionali e risposta cellulare allo stress; gasobiology e trapianto d’organo; vitageni, healthy medicine e medicina mitocondriale.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook