Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: VIOLENTO NUBIFRAGIO SI ABBATTE SULLA CITTÀ ETNEA – IL VIDEO

CATANIA: VIOLENTO NUBIFRAGIO SI ABBATTE SULLA CITTÀ ETNEA – IL VIDEO

“Il nubifragio allaga Palazzo dei Chierici e il municipio. Auto e moto trascinate dall'acqua, così come tavolini e sedie. Interventi dei vigili del fuoco per soccorrere persone rimaste bloccate in macchina. Il Comune avvisa che : "Non abbiamo ricevuto nessuna segnalazione di allerta meteo"

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Palazzo dei Chierici e altri palazzi del centro storico, travolti dalla furia dell’acqua che ha attraversato via Etnea come un torrente in piena trascinandosi tavolini e sedie posizionati negli spazi esterni dai locali. L’acqua trascina auto e moto contro lo storico Palazzo dei Chierici e il Municipio allagati. Questo è l’effetto di un violento nubifragio che si è abbattuto nel capoluogo etneo. Centinaia le richieste di interventi al centralino dei vigili del fuoco. Intanto, i pompieri sono all’opera per soccorrere automobilisti rimasti bloccati nelle loro auto nel quartiere di San Giovanni Galermo e nei paesi di Mascalucia e Gravina di Catania. L’acqua torrenziale si è riversata in via Etnea a Catania che è dovuta non soltanto al nubifragio, ma anche al deflusso dell’acqua caduta nei paesi alle pendici dell’Etna. Il Comune ha attivato il sistema di Protezione civile, ma in una nota  sottolinea di “non avere ricevuto alcuna segnalazione di allerta meteo” del possibile nubifragio. La protezione civile si è già attivata nei luoghi ove necessita assistenza.

Il forte nubifragio ha causato un vero allagamento,con l’acqua che scorreva come un fiume in piena. Rientra l’allarme dispersi: un operaio, alla zona industriale è stato salvato dai vigili, e condotto in ospedale per un politrauma, e un uomo di 34 anni, il cui codice fiscale è stato trovato in un borsello vicino alla fontana sopra il fiume Amenano, in piazza Duomo. Il documento, accerteranno nel corso della serata, polizia e carabinieri, è di un pastore, trovato a casa, a Castel di Judica, che ne aveva denunciato la scomparsa lo scorso anno. Lui era in casa mentre Catania era sommersa dal nubifragio. I sommozzatori dei vigili del fuoco avevano scandagliato anche le acque del fiume Amenano, che passa in condotti sotto Catania. In città già si contano i danni: tetti danneggiati, strade divelte, negozi e palazzi allagati. E già si sentono le prime polemiche. A fomentarle è il Comune dal quale si levano le prime voci . Alla protezione civile comunale, spiegano ancora da Palazzo degli Elefanti allagato, non era giunto dagli organi competenti della protezione civile nazionale e regionale alcun bollettino di allerta meteo. Ora il sindaco, dovrà spiegarne i motivi.

Intanto, il sindaco Stancanelli ha firmato un’ordinanza con cui viene disposta per la sola giornata di domani la sospensione delle lezioni nelle scuole cittadine di ogni ordine e grado, per consentire in via cautelativa ai tecnici comunali e ai responsabili delle strutture scolastiche di effettuare le opportune verifiche al fine di verificare eventuali danni causati dal violento nubrifagio che ha coinvolto nel pomeriggio i centri pedemontani e la città di Catania. Alla protezione civile comunale non era giunto dagli organi competenti della protezione civile nazionale e regionale alcun bollettino di allerta meteo. “Una misura preventiva doverosa – ha detto il sindaco Stancanelli – affinchè si possano verificare ed eventualmente rimuovere situazioni di pericolo per i ragazzi che sono la nostra priorità assoluta. Peraltro molti di questi plessi da sabato dovranno ospitare i seggi elettorali, un motivo in più per effettuare controlli accurati visto che poi dovranno ospitare in tutta sicurezza anche il flusso di migliaia di elettori”. Il sindaco resta in stretto contatto con la responsabile della protezione civile comunale Maria Luisa Areddia, che ha operato in ausilio ai vigili del fuoco, soccorrendo diverse persone nella zona della Plaia e in altre parti della città, rimuovendo situazioni di pericolo per diversi automobilisti rimasti fermi nella loro auto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook