Archiviato in | Cronaca Regionale

MARSALA (TP): PROCESSO SCOMPARSA DI DENISE, LA SORELLASTRA SI DICHIARA INNOCENTE

MARSALA (TP): PROCESSO SCOMPARSA DI DENISE, LA SORELLASTRA SI DICHIARA INNOCENTE

“Trentesima udienza del processo in corso a Marsala per Jessica Pulizzi, accusata del sequestro di Denise Pipitone, si difende in aula e ribadisce che “non c’entra nulla con il rapimento”.

Print Friendly, PDF & Email

Marsala. Alla trentesima udienza del processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, è iniziata la deposizione dell’imputata Jessica Pulizzi, 25 anni. Alla sbarra, oltre alla Pulizzi, sorella (per parte di padre) della bambina rapita, c’è anche il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, 27 anni, accusato di false dichiarazioni al pubblico ministero. La piccola Denise era scomparsa da Mazara del Vallo (Tp) il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni e ancora non ritrovata.  “Sono innocente. Non c’entro niente con il sequestro di Denise. L’ho detto anche a mio padre, che l’11 settembre 2004, in commissariato, a Mazara, mi chiedeva di parlare se sapevo qualcosa”. Continua a difendersi Jessica Pulizzi, accusata del sequestro della sorellastra, che nel corso dell’udienza ha confermato di avere definito Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, una “sfasciafamiglie”. In aula, Jessica, la sorellastra della rapita afferma di avere interrotto i rapporti con il padre da quando ha ricevuto l’avviso di garanzia. “Anche lui – dice – sospettava, infatti, di me. Non me l’ha detto chiaramente, ma me l’ha fatto capire”. Jessica Pulizzi conferma, inoltre, quanto affermato il 30 marzo 2005, quando agli inquirenti dichiarò di avere saputo da un negoziante di Mazara che suo padre aveva comprato vestiti a Piera Maggio.

“Poi – ha continuato – ho bucato con un coltellino in un portachiavi le ruote dell’auto di Piera Maggio, una Fiat Punto bianca. Ricordavo il numero di targa. Ero con Gaspare Ghaleb e mia sorella Alice”. L’imputata ha collocato il fatto “circa un anno prima”. Quindi, nella primavera 2004. Anche questo l’aveva già dichiarato nel 2005. “Rinfacciai a mio padre – ha proseguito l’imputata – che non aveva soldi per me e invece li aveva per altre”. “Ho saputo in commissariato, da mia madre, l’11 settembre 2004, che Piera aveva avuto una bambina. Mio padre, lo stesso giorno, sempre in commissariato, mi disse che Denise era sua figlia”. L’imputata, dunque, afferma di aver saputo che Denise era sua sorella solo dopo il sequestro, avvenuto il primo settembre 2004. Dopo aver ascoltato la deposizione  il pm Sabrina Carmazzi, ha contestato alla Pulizzi che il suo ex fidanzato Fabrizio Foggia, in una precedente udienza aveva dichiarato in aula che lei sapeva della gravidanza e che sospettasse che il padre di Denise fosse Piero Pulizzi. Intanto il processo continua e i cittadini di Mazzara attendono con trepidazione la definizione della vicenda e l’esito del processo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook