CATANIA: DA COLORADO AL DRINK CABARET, STEFANO CHIODAROLI

CATANIA: DA COLORADO AL DRINK CABARET, STEFANO CHIODAROLI

"Chiodaroli, che presenterà in anteprima nazionale il suo spettacolo “Sono rimasti solo i grissini” nasce artisticamente come mangiafuoco, acrobata di strada, attore in compagnie amatoriali.

Print Friendly, PDF & Email

Terzo atteso appuntamento con il “Drink Cabaret”. Giovedi 21 febbraio, alle ore 21, sul palcoscenico del “Ma – Musica & Arte” di Catania, grazie ad  Art Promotion di Mario Russo, sarà la volta del comico di “Colorado” Stefano Chiodaroli, conosciuto al grande pubblico per il suo personaggio del “panettiere”. Chiodaroli, che presenterà in anteprima nazionale il suo spettacolo  “Sono rimasti solo i grissini” nasce artisticamente come mangiafuoco, acrobata di strada, attore in compagnie amatoriali. La prima messinscena è del 1983. Negli anni ’90 si diploma alla scuola del Teatro del Mimodramma Arsenale e da lì tante partecipazioni ai festival di teatro in Russia e in Francia. Il personaggio del panettiere nasce alla fine degli anni ’90 permettendo a Chiodaroli di accedere alla ribalta delle televisioni nazionali (Zelig, Convention a Colori, Colorado). Sul palcoscenico saliranno anche il personaggio di “Tempesta Ormonale”, il “Mago Abatjour”, “Ornello l’ex fotomodello”,“Brian Trombettista Jazz” e “Mariano” direttamente dalla fiction di Canale 5 “Belli Dentro”. Nella sua carriera artistica ha ricoperto anche il ruolo di Angelo nella sit-com “Don Luca c’è” di Luca Laurenti. Grandi successi anche nel campo cinematografico con “La Febbre” di Fabio Volo, “La Terza Stella” di Ale e Franz, “La cura del gorilla” di Claudio Bisio e “2061, un anno eccezzzionale” di Diego Abatantuono.  Alla fine dello spettacolo, Stefano Chiodaroli resterà con il pubblico presente per degustare il vino e alcune specialità culinarie tipiche siciliane.

Ecco in anteprima per InformaSicilia.it come Stefano Chiodaroli spiega il suo spettacolo “Sono rimasti solo i grissini”.

 

PIERAAA!!!
SONO RIMASTI SOLO I GRISSINI

Chiodaroli è quello che si alza tutte le notti alle due a fare il pane e che è stanco morto eccetera eccetera eccetera. Chiede di fare meno rumore, per piacere, per cortesia, per favore… e a forza di dire per piacere, per cortesia e per favore crede di essere seduto su due sacchi di farina invece sono i suoi maroni.
Ha una moglie, Piera, che non c’è mai. Lui la chiama con delicatezza, e se non risponde prova col suo dolce nomignolo, lo stesso che ha fatto incidere sotto la fede: “puttana maledetta!!!”. Hanno un rapporto chiaro e sincero: quando lei si è rifatta il viso lui le ha fatto presente che “puoi cambiare le piastrelle finché ti pare… ma un cesso resta sempre un cesso”. Chiodaroli però non ha niente contro le donne. In mano. Adesso.
Crede in Dio, da quando ha scoperto che è stato lui a dire: “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”.
Non è andato a scuola, anche perché per fare il fornaio non serve studiare, basta un’infarinatura. Ha un cuore tenero come il pane di tre giorni: quando è morta la suocera, per risparmiare, ha cercato una bara last minute.

È anche un testimone esemplare del nostro tempo. Ha provato in prima persona le ispezioni dell’onu e l’introduzione dell’Euro, e da allora non si siede più…
Questo libro è impetuoso, irriverente, irresistibile come il suo autore. Ma attenzione a non ridere troppo forte, perché altrimenti Chiodaroli arriverà incazzato in casa vostra urlandovi (per piacere, per favore, per cortesia) di fare meno rumore, che lui lavora tutta la notte eccetera eccetera eccetera.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook