Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale, Religione

CESI PALERMO: IN RIUNIONE FINO AL 18 I VESCOVI SICILIANI

CESI PALERMO: IN RIUNIONE FINO AL 18 I VESCOVI SICILIANI

“Si riunisce la conferenza episcopale delle 18 diocesi dell'Isola, inaugurato l'anno del tribunale ecclesiastico. Il Cardinale Romeo: "Il pontefice ha invitato a meditare sulla fede". Intanto il tribunale Ecclesiastico presenta la relazione, nel 2012 chiesti 267 annullamenti di matrimonio”

Print Friendly, PDF & Email

Cesi Palermo. I vescovi delle 18 diocesi di Sicilia si sono incontrati per l’apertura della sessione invernale della Conferenza episcopale siciliana. I lavori si concluderanno venerdì alle 18. Nelle due giornate interverranno anche il vescovo Domenico Mogavero.delegato per le Migrazioni e il vescovo Calogero Peri delegato per la Famiglia e i Giovani. Inoltre, il direttore della Segreteria Pastorale, Francesco Casamento, riferirà ai vescovi quanto discusso nella precedente seduta del Consiglio regionale, che si è tenuta sabato 19 gennaio. Don Vincenzo Murgano, presidente del Tribunale Ecclesiastico, ha introdotto la cerimonia di inaugurazione  del nuovo anno giudiziario. Nel 2012 è stata avanzata al Tribunale ecclesiastico della Sicilia la dichiarazione di nullità di 267 matrimoni: di cui 7 dopo solo 3 mesi dalla celebrazione del rito; 39 dopo 1 anno; 53 dopo 2 anni e 59 casi dopo 10 anni. Questi sono alcuni dei dati che emergono dalla relazione illustrata nel corso dell’inaugurazione dell’Anno Giudiziario 2013 del Tribunale Ecclesiale Regionale Siculo che si svolge nell’Aula Magna della Pontificia Facoltà Teologica a Palermo. Per quanto riguarda le motivazioni addotte per richiedere la dichiarazione di nullità, resta alto il numero per simulazione di consenso tra cui: esclusione della prole (147 casi di cui 119 con sentenza affermativa e 28 negativa), dell’indissolubilità (146 di cui 117 affermativa e 29 negativa); della violenza e timore (19 di cui 11 affermativa e 8 negativa). Seguono l’incapacità ad assumere oneri coniugali (16 casi di cui 9 affermativa e 7 negativa); l’esclusione della fedeltà (14 di cui 9 affermativa e 5 negativa) e simulazione totale (5).

Dalla relazione del Tribunale ecclesiastico è emerso che sono stati di più gli uomini (136) rispetto alle donne (127) a presentare richiesta di nullità (solo 4 i casi di richiesta congiunta) con un netto calo rispetto al 2011 quando sono stati 182 le procedure introdotte dagli uomini e 143 dalle donne. Da un confronto con l’ultimo quinquennio emerge che l’esclusione della prole rimane la causa di nullità più frequente anche se in calo rispetto al 2008 (da 153 casi a 147); è in calo anche il motivo dell’indissolubilità (da 167 casi nel 2008 a 146 nel 2012) e violenza e timore è sceso da 42 casi (nel 2008) a 19 dell’anno scorso. Infine il Tribunale ecclesiastico ha trattato complessivamente 324 cause di cui 255 con sentenza affermativa e 42 con sentenza negativa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook