SVIMEZ LANCIA APPELLO PER RISOLLEVARE IL SUD

SVIMEZ LANCIA APPELLO PER RISOLLEVARE IL SUD

“Sono 21 le istituzioni meridionaliste che si sono rivolte ai leader politici nazionali, convenendo che è necessaria una cooperazione istituzionale basata su uno stretto coordinamento tra tutti i livelli di governo”.

Print Friendly, PDF & Email

Svimez. L’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno(Svimez) è il capofila di 21 prestigiose istituzioni meridionaliste che, alla stretta finale della campagna elettorale, si sono direttamente rivolte ai leader politici nazionali perchè il rigore nei conti pubblici si coniughi a politiche fiscali selettive che privilegino obiettivi sociali forti e politiche di sviluppo. Infatti, I dati, illustrano quella che il presidente Svimez, Adriano Giannola, nel corso di un convegno a Catanzaro, ha chiamato “l’asimmetria degli effetti della politica di rigore sul Sud”, con un maggiore impatto recessivo sia in termini di occupazione che di crescita. Diminuisce l’occupazione, cala il Pil e la spesa in conto capitale della pubblica amministrazione si è ridotta nel Mezzogiorno di quasi 10 punti in dieci anni, passando dal 40,4 del 2001 al 31,1% del 2011. Ecco che parte il problema prioritariodella crescita che parte dal rilancio della politica industriale (nel documento si parla di un rischio di desertificazione industriale), per arrivare a saldare la carenza di diritti fondamentali non strettamente economici.

Il documento nello specifico parla di un “deciso rinnovamento della capacità delle classi dirigenti meridionali di adottare comportamenti coerenti. Gli istituti meridionalisti propongono una governance multilivello nell’ambito di una cooperazione istituzionale basata su uno stretto coordinamento tra tutti i livelli di governo, con un processo fortemente interattivo tra le Regioni meridionali ed il Governo centrale in grado di intervenire e garantire efficacia anche nella fase di progettazione e realizzazione”. Inoltre, nel documento sono indicati i propulsori dello sviluppo che dal sud dovrebbero fare da traino e favorire la crescita dell’intero Paese che comprendono: il piano di gestione delle acque ed un piano per le energie rinnovabili, le politiche di riqualificazione urbana e il completamento delle reti infrastrutturali e logistiche. L’atto finale è firmato da associazioni che hanno fatto e fanno la storia del sud, come le fondazioni che portano il nome di Giustino Fortunato, Francesco Saverio Nitti, Guido Dorso, Ugo La Malfa, Valenzi, o Mezzogiorno Europa, Res, Sicilia, Sudd; e da istituti come Obi, per gli Studi filosofici e Banco di Napoli. All’appello delle 21 associazioni ha già risposto il segretario del Pd, Bersani, il quale, tramite il commissario regionale del partito, D’Attorre, ha fatto sapere che il 18 febbraio, nel corso della sua visita in Calabria, incontrerà il presidente Giannola ed una delegazione delle associazioni in un luogo simbolo di tutto il Mezzogiorno, il porto di Gioia Tauro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook