Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS, APPROVA IL DPEF

ARS, APPROVA IL DPEF

“Nell' importante documento finanziario sono state inserite opere di viabilità che riguardano anche l'Agrigentino. Poco prima scintille tra il governatore Crocetta e i grillini, che chiedevano copia del provvedimento di revoca del Muos in cambio, nonostante la diatriba in aula, il documento di programmazione economico e finanziaria 2013/'17 ha superato l'esame d'aula al quarto tentativo anche con l’assenso del M5stelle”.

Print Friendly, PDF & Email

Ars. Dopo tre tentativi andati a vuoto per mancanza del numero legale, al quarto tentativo il documento di programmazione economico e finanziaria 2013-2017 ha superato l’esame dell’Ars. La votazione si è svolta per “alzata e seduta” dei deputati. “Lo prevede il regolamento – ha detto il presidente Giovanni Ardizzone rispondendo ad alcuni deputati che contestavano il meccanismo di voto – se qualcuno avesse voluto avrebbe potuto richiedere la votazione per appello nominale, ma nessuno lo ha fatto”. Nel documento sono state inserite, con un emendamento dei deputati agrigentini Lillo Firetto (Udc) e Giovanni Panepinto (Pd), l’avvio dei lavori della Palermo – Agrigento e il completamento  da Agrigento a Misilmeri nonchè la progettazione dell’asse viario Gela – Sciacca e la “dorsale” montana che collega la SS 118 alla SS 115 (la cosiddetta “Mare-monti”) con il completamento dello scalo marittimo di Porto Empedocle relativamente al banchinamento crocieristico. A votare contro il Documento di programmazione economica e finanziaria, oltre Pdl, Cantiere Popolare, Grande Sud, Partito dei Siciliani, i deputati del gruppo Lista Musumeci.

Nei giorni scorsi per tre volte era mancato il numero legale, proprio perchè gli appartenti al M5stelle chiedevano rassicurazioni sul no al Muos. E oggi  non è mancata la diatriba tra Crocetta e i grillini. “I grillini se pensano di mettere il governo in difficoltà sono fuori strada, non siamo sotto scopa – aveva dichiarato Crocetta -. Fare mancare il numero legale all’Ars sul Dpef è una prova di grande immaturità. Che vuol dire che aspettano la revoca del Muos prima di votare il Dpef? Non siamo alle elementari o all’asilo”. I deputati ‘cinquestelle’ aspettano copia del provvedimento di revoca delle autorizzazioni per il Muos annunciato ieri dal governatore. E a proposito del Dpef, Crocetta ha detto: “Potevamo non portarlo in aula, ma l’abbiamo fatto per una questione di trasparenza, possiamo anche ritirarlo: ma un documento va approvato o respinto”. Il presidente della commissione Ambiente dell’Ars, Giampiero Trizzino (M5Stelle) afferma: “Quella che Crocetta  ha definito bambinata pende sulla testa degli abitanti di Niscemi”. E ancora “Proprio perché siamo adulti e non bambini dell’asilo, oggi voteremo il Dpef. Sarebbe stato onorevole per il presidente Crocetta, che nel Nisseno dove ha ottenuto molti voti, partecipare alla riunione di ieri sul Muos con le commissioni Ambiente e Salute, piuttosto che recarsi a Palazzo dei Normanni questa mattina per presentare in conferenza stampa la sua lista per le politiche”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook