Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

USTICA: CASSAZIONE, STRAGE CAUSATA DA MISSILE. STATO RISARCIRÀ VITTIME

USTICA: CASSAZIONE, STRAGE CAUSATA DA MISSILE. STATO RISARCIRÀ VITTIME

“Non fu un'esplosione interna a distruggere il Dc9 con 81 persone a bordo, così la Cassazione ha sentenziato. Inutili i ricorsi dei ministeri, insufficienti secondo la corte i controlli dei radar civili e militari. Replicano i familiari delle vittime: finalmente, ora la verità sui colpevoli".

Print Friendly, PDF & Email

Ustica. Secondo la Suprema Corte non fu una bomba ma un missile a far precipitare il Dc9 partito da Bologna e diretto a Palermo, la sera del 27 giugno 1980, e i radar civili e militari non vigilarono come avrebbero dovuto sui cieli italiani. Per questo i Ministeri della Difesa e dei Trasporti devono essere condannati a risarcire i familiari delle vittime. Sono passati circa 33 anni, ed è un giudice civile – in sede di Cassazione – a scrivere la verità definitiva sulla strage di Ustica, dopo tanti processi penali senza fine e senza colpevoli. La sentenza condanna lo Stato alla responsabilità per la morte degli 81 passeggeri del tragico volo Itavia. Così in poche pagine è arrivata la conclusione della Terza sezione civile della Cassazione. La sentenza che, per la prima volta, convalida la condanna al risarcimento (circa un milione e duecentomila euro) inflitta dalla Corte di Appello di Palermo – nel giugno 2010 – per risarcire i parenti di tre vittime, i quali, per primi, hanno intrapreso la causa civile, poi seguiti da altri ottanta familiari che si sono costituiti in un altro procedimento, sospeso in appello e aggiornato al 2014, per il quale i ministeri dovrebbero pagare altri 110 milioni di euro.

E ancora la Cassazione: “abbondantemente e congruamente motivata la tesi del missile”, accolta dalla Corte di Appello di Palermo a fondamento delle prime richieste risarcitorie, scrive la Cassazione nella sentenza 1871, confermando che il controllo dei radar sui cieli ‘nazionali’, e quindi sulla sicurezza interna, non era adeguato. Con il verdetto sono stati così respinti i ricorsi con i quali il Ministero della Difesa e quello dei Trasporti, assistiti dall’Avvocatura dello Stato, volevano negare il risarcimento. Hanno sostenuto che il disastro aereo era ormai prescritto, e che non si poteva loro imputare “l’omissione di condotte doverose in difetto di prova circa l’effettivo svolgimento dell’evento”.  La Cassazione ha replicato che “è pacifico” l’obbligo delle due amministrazioni “di assicurare la sicurezza dei voli”, e che, appunto, è “abbondantemente e congruamente motivata la tesi del missile”. Quanto alla prescrizione, il motivo è “infondato”. L’evento stesso dell’avvenuta strage, poi, “dimostra la violazione della norma cautelare”. La Cassazione ricorda di aver ordinato nel 2009 la riapertura della causa civile in accoglimento della richiesta risarcitoria di Itavia alla quale, invece, la Corte di Appello di Roma – dove pende il caso – aveva negato il risarcimento nonostante la chiusura della compagnia fosse stata decisa dal governo che, pochi mesi dopo Ustica, aveva individuato il colpevole nel vettore.

Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta assicura che l’Ente sarà al fianco dei familiari delle altre vittime per rafforzare la richiesta di risarcimento. Daria Bonfietti, presidente dell’Associazione delle vittime ha ribadito: “speriamo che si tolga ogni reticenza, su chi è stato ad abbattere il Dc9: il governo si attivi per farsi dare risposte”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook