Archiviato in | Calcio, Sport, Sport Brevi

CALCIO SERIE A: IL CATANIA SUPERA 2 A 1 LA FIORENTINA E VOLA TRA LE GRANDI

CALCIO SERIE A: IL CATANIA SUPERA 2 A 1 LA FIORENTINA E VOLA TRA LE GRANDI

"Il 2 a 1 alla Fiorentina di Vincenzo Montella, accolto da un mix di applausi e fischi, può considerarsi lo spartiacque della stagione. Dopo un primo tempo sofferto, chiuso in svantaggio grazie al gol di Migliaccio, il Catania ha reagito, soprattutto grazie alle migliorie apportate da mister Maran, sempre attento a cogliere l’andamento delle gare. Legrottaglie prima e Castro poi hanno fatto esplodere il Massimino, alla fine quasi incredulo per il risultato finale".

Print Friendly, PDF & Email

Calcio serie A. La consapevolezza della propria forza. Forse è solo questo ciò che finora era mancato al Catania, che da oggi può smettere di sognare e cominciare a focalizzare un obiettivo che solo a nominarlo vengono i brividi. Era la gara decisiva e i ragazzi di Maran, pur con molte defezioni, sono riusciti a portarla a casa col cuore e con quel pizzico di fortuna che nel calcio non guasta. Il 2 a 1 alla Fiorentina di Vincenzo Montella, accolto da un mix di applausi e fischi, può considerarsi lo spartiacque della stagione. Dopo un primo tempo sofferto, chiuso in svantaggio grazie al gol di Migliaccio, il Catania ha reagito, soprattutto grazie alle migliorie apportate da mister Maran, sempre attento a cogliere l’andamento delle gare. Legrottaglie prima e Castro poi hanno fatto esplodere il Massimino, alla fine quasi incredulo per il risultato finale. Il Catania adesso vola a 35 punti, appena uno sotto il sesto posto, occupato proprio dai viola, ultimo valido per l’accesso in Europa League. Dato per assodato un rendimento casalingo da capogiro, se davvero gli etnei riuscissero a trovare continuità anche fuori casa, dovremmo prepararci a vivere quattro mesi di grandi emozioni.

E dire che gli etnei si erano presentati alla “prova del 9” contro i toscani con defezioni davvero importanti in ogni reparto: tra tutte quelle di Marchese, Lodi, Almiron e Bergessio. Tanti dubbi alla vigilia e una mezza sorpresa ad opera di Maran, che lascia il classico 4-3-3 per affidarsi ad un inedito 3-5-2 con Capuano ed Alvarez larghi, Castro a centrocampo con Biagianti e Izco e con Gomez e Barrientos in avanti. Il nuovo assetto penalizza le vere armi del Catania, dato che sia Gomez che Barrientos sono troppo vicini alla porta e non possono sfruttare l’uno contro uno. Il primo tempo difatti è decisamente a tinte viola: la Fiorentina copre meglio il campo, alzando da subito il baricentro e mettendo pressione ai padroni di casa. La superiorità territoriale non si traduce in grandi occasioni dalle parti di Andujar, anche se al 22’ da una mischia in area nasce il vantaggio di Migliaccio. Dunque ospiti avanti, con merito. Nel Catania nessuno o quasi si prende la responsabilità di impostare e i centrocampisti aiutano poco in fase di spinta, mentre dall’altra parte Cuadrado fa impazzire Capuano e mezza difesa rossazzurra.

La forza del Catania sta anche nell’avere un tecnico abile come pochi a leggere le situazioni e a cambiare in corsa. Detto, fatto: Maran rivoluziona il suo undici all’intervallo, schierando nella ripresa un più equilibrato 4-2-3-1. La musica cambia e si vede: gli scambi tra Borja Valero, Aquilani e Jovetic sono meglio arginati, la manovra è più fluida e coinvolge più giocatori. A dimostrazione del cambiamento di inclinazione della gara, arriva il pari di Legrottaglie, che al 5’ della ripresa sfrutta al meglio una punizione calciata da Gomez e l’indecisione del portiere Neto. Passano appena due minuti e la Fiorentina reagisce da par suo: nel giro di 180 secondi sono ben due i legni colpiti dai viola, con Cuadrado prima e con Ljajic su punizione poi. Il pubblico e gli undici in campo cominciano a crederci, a capire che anche la fortuna è dalla loro. Il Catania preme, morde le caviglie a centrocampo e alla fine passa. Minuto 85, fuga di Barrientos sulla destra, cross col piede “sbagliato” e terzo tempo da cestista di Castro che sovrasta Roncaglia di qualche spanna, infilando ancora una volta Neto. Massimino in visibilio e ultimi dieci minuti (compresi i 4, poi 5 di recupero) vissuti al cardiopalma: ci prova Jovetic con un’invenzione delle sue ma il pomeriggio è dei rossazzurri.

Il tabellino.

CATANIA-FIORENTINA 2-1

MARCATORI: 22′ pt Migliaccio; 5′ st Legrottaglie, 43′ st Castro.

CATANIA (3-4-3): Andujar; Bellusci (32′ st Potenza), Legrottaglie, Spolli; Alvarez, Izco, Biagianti (40′ st Paglialunga), Capuano 5.5 (12′ st Ricchiuti); Barrientos, Castro, Gomez. In panchina: Frison, Augustyn, Salifu, Keko, Doukara, Terracciano, Petkovic. Allenatore: Maran.

FIORENTINA (3-5-2): Neto; Roncaglia, Rodriguez, Savic; Cuadrado, Aquilani, Borja Valero, Migliaccio, Pasqual (36′ st Tomovic); Ljajic (24′ st Toni), Jovetic. In panchina: Viviano, Lupatelli, Cassani, Camporese, Capezzi, Romulo, Llama, Seferovic, Larrondo. Allenatore: Montella.

ARBITRO: Celi

NOTE: Espulso: Aquilani, al 32′ st, per proteste. Ammoniti: Capuano, Savic, Bellusci, Biagianti, Spolli, Cuadrado, Alvarez, Castro. Angoli: 4-1 per la Fiorentina.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook