Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: PROCESSO DELL’UTRI, IL PG CHIEDE SETTE ANNI

PALERMO: PROCESSO DELL’UTRI, IL PG CHIEDE SETTE ANNI

Palermo. Processo Dell’Utri: il senatore del Pdl è accusato di concorso in associazione mafiosa

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Il senatore del Pdl, Marcello Dell’Utri al processo d’appello bis che si tiene a Palermo è accusato di concorso in associazione mafiosa. Il pg Luigi Patronaggio ha chiesto la condanna a 7 anni. Il pg ha definito “molto grave” la condotta contestata al senatore e ha chiesto la conferma della precedente condanna inflitta all’imputato in appello e poi annullata con rinvio dalla Cassazione. In primo grado, Dell’Utri fu condannato, a 9 anni di carcere. Il processo è in corso davanti alla Corte d’appello di Palermo. Il senatore, in un’intervista pubblicata dal Corriere della Sera in merito alla sua possibile candidatura alla prossime elezioni asserisce: “Certo che mi candido. Finché sono vivo continuerò a candidarmi. Non lo farò più solo da morto. Per ora non ho ricevuto proposte, l’ipotesi di candidatura con Grande sud è una grande minchiata. Pongo il quesito: chi sono io? Basta ricordarsi dove sto io, dove sono sempre stato”, dice alludendo alla sua stretta amicizia con il fondatore del Pdl Silvio Berlusconi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook