LAVORO SICILIA: INCENTIVI PER 50MILA GIOVANI. ECCO IL “PIANO”

LAVORO SICILIA: INCENTIVI PER 50MILA GIOVANI. ECCO IL “PIANO”

A breve partiranno gli incentivi per 50mila giovani siciliani previsti dal programma straordinario Monti: Vi sarà un assegno mensile per un anno di attività dei laureati negli studi professionali; tirocini retribuiti per i diplomati, con un incentivo per le aziende che li chiamano; previsti inoltre, “bonus occupazionali” e assistenza per chi vuole avviare un’impresa. Questi sono soltanto alcuni argomenti per le “Opportunità Giovani”. Si tratta di un pacchetto di misure che mirano a coinvolgere 50mila giovani siciliani nei prossimi quattro anni. Infatti, il ministro della Coesione territoriale Fabrizio Barca, sollecitato dalla Regione siciliana, a incluso l’iniziativa specifica che riguarda la Sicilia dentro il primo aggiornamento del “Piano di Azione Coesione”, l’asse portante del governo per il rilancio del Sud. Non sono fondi aggiuntivi per le otto Regioni interessate, ma di una riallocazione di fondi per 3,1 miliardi di euro sul totale di 26 miliardi che le Regioni dovranno spendere entro il 2015. Oltre alla redistribuzione di fondi in Sicilia per scuola, banda larga, credito d’imposta e ferrovie così come recita il documento di “Aggiornamento n.1″ contempla un punto, il quinto, dedicato alla Sicilia. Un modello pensato dal ministero della Coesione il 15 dicembre 2011 e poi specificato nel nuovo documento. Così recita: “….Il programma sarà finanziato attraverso la riduzione del cofinanziamento nazionale del Po-Fse Sicilia e nell’arco di quattro anni potrà coinvolgere oltre 50mila giovani siciliani inattivi e disoccupati. Nel documento non è specificato l’ammontare dei fondi, ma il ministro Barca, in una recente intervista sulla Stampa, ha ipotizzato una cifra iniziale di 600 milioni. E’ già in scadenza la messa a punto il prossimo 30 aprile, l’obiettivo di presentare il Piano straordinario e completare la collegata riprogrammazione del Programma Operativo Fse-Sicilia nell’ambito del Comitato di Sorveglianza previsto nel successivo mese di maggio.

Questo in linea di massima il contenuto del documento: tra le priorità, rottamare il carrozzone della formazione professionale in Sicilia, quindi riducendone i costi e introducendo standard qualitativi e standard formativi minimi omogenei. Poi vi è l’esigenza di regolare il farraginoso sistema dei cosiddetti servizi per il lavoro. Sono le misure dirette a sostegno dei giovani che sono maggiormente attenzionate. Una prima tranche è rivolta a chi possiede un diploma o una qualifica professionale: previsti tirocini retribuiti di sei mesi in aziende (per i tirocinanti diversamente abili il periodo massimo potrà essere prolungato a dodici mesi e l’assegno proposto sarà superiore di un terzo a quello normalmente offerto). Sostegno anche alle imprese ospitanti con il riconoscimento del costo sostenuto per il tutoraggio tramite l’erogazione di uno specifico “buono d’mpresa”. Previsti incentivi occupazionali differenziati per le imprese che assumono il tirocinante alla fine del percorso formativo. Istituito un capitolo a parte per i “Neet” locali:  si tratta di veri e propri interventi di orientamento e di formazione per l’occupabilità rivolti a giovani in possesso di titoli non spendibili sul mercato del lavoro. Saranno erogati inoltre, incentivi all’assunzione concluso il percorso formativo. Un’attenzione particolare è riservata ai laureati. Innanzitutto per chi non riesce a entrare nel mercato del lavoro con l’attribuzione di un assegno mensile purché si svolgano attività presso studi professionali, ai quali si chiederà il bonus suddetto con un contributo minimo pari ad almeno 1/3 di quello corrisposto attraverso il Piano.
Incentivi occupazionali anche per la copertura delle spese sostenute per l’avvio di attività autonoma, secondo le regole e le modalità previste dalla disciplina comunitaria in materia di aiuti di stato alle imprese. Ma anche per il dopo laurea: saranno Attivati percorsi di apprendistato di alta formazione destinato a giovani laureati siciliani che intendono conseguire un master di I o di II livello, o un titolo di dottore di ricerca. In particolare si sosterranno i percorsi nell’area delle discipline scientifiche e tecnologiche legate allo sviluppo dell’economia e dei servizi innovativi.
E per chi volesse creare nuove attività aziendali vi saranno azioni formative su potenziali portatori di idee imprenditoriali per verificarne la volontà e l’effettivo interesse a diventare imprenditori. Identificazione, sviluppo e validazione delle idee imprenditoriali e relativo piano programmatico per sostenere la trasformazione di un’idea imprenditoriale in un vero e proprio piano di impresa. Prevista l’assistenza al neo imprenditore per la fase di inizio attività con servizi che includono percorsi integrati di formazione, consulenza e tutoraggio. Sarà attivato un fondo rotativo per il microcredito. Previsti inoltre, contributi in conto capitale, interessi e spese di gestione a copertura della fase di avvio e consolidamento dell’impresa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Ricette siciliane

Vai alla sezione

Sicilia in Cucina

Read more

Speciale Festa Sant’Agata

Read more

Brevi