Archiviato in | Cronaca Regionale, Fisco

PALERMO: ASSESSORE REGIONALE ARMAO, “FEDERALISMO RISCHIA DI PROVOCARE ULTERIORI DANNI AL MEZZOGIORNO”

PALERMO: ASSESSORE REGIONALE ARMAO, “FEDERALISMO RISCHIA DI PROVOCARE ULTERIORI DANNI AL MEZZOGIORNO”

Print Friendly, PDF & Email

I piu’ recenti studi pubblicati in materia dimostrano, infatti, che la forma di federalismo fiscale, cosi’ come si sta delineando in Italia, al di la’ delle ricadute che avra’ sulle singole amministrazioni locali e regionali, rischia di provocare ulteriori danni al Mezzogiorno, accentuando le differenze tra la Sicilia ed il centro-nord”. Così ha commentato l’assessore regionale dell’Economia, Gaetano Armao,  in merito allo studio del Pd sulle refluenze del federalismo fiscale sui Comuni italiani.  Questo avvalora quanto il governo regionale ha sostenuto da mesi sugli scenari nefasti che si apriranno con il federalismo fiscale che vuol propinare l’esecutivo a trazione leghista e’ oggi avvalorato anche dai dati.

“Solo adeguati e contestuali riequilibri finanziari ed infrastrutturali – ha detto Armao – e le perequazioni previste dalla legge sul federalismo fiscale, che non trovano sino ad oggi l’attuazione richiesta, potranno evitare che si approfondisca il gia’ grave divario esistente tra nord e sud del Paese”.

“E’ indispensabile, pertanto, – ha proseguito l’assessore – che la definizione e l’attuazione delle perequazioni, sia fiscali che infrastrutturali, vadano di pari passo con il federalismo fiscale, cosa che non sta avvenendo. Se le cose rimarranno cosi’ – e lo diciamo da mesi – il federalismo servira’ soltanto a rafforzare le aree piu’ ricche del Paese, rendendo incolmabile il divario che si e’ approfondito dopo 150 anni di Unita’ d’Italia”.

“Per questo motivo – ha concluso Armao – intendiamo, dopo essere riusciti a sganciare la Sicilia dal carro del federalismo fiscale nazionale che corre dritto verso la sperequazione, negoziare con lo Stato un federalismo equo e solidale per i siciliani. Sono queste le condizioni che abbiamo gia’ posto allo Stato in Commissione paritetica, ma e’ necessario che questo processo veda protagonista l’intera classe dirigente siciliana -politica, economica e culturale – unita dall’esigenza di offrire alla nostra terra una via d’uscita dal declino al quale la vogliono condannare gli speculatori e gli ascari, sempre numerosi, nei momenti di svolta”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook