Archiviato in | Cronaca Regionale

PENDOLARI SICILIANI AUSPICANO POLITICA PIU’ ATTENTA AI BISOGNI DEI SICILIANI

PENDOLARI SICILIANI AUSPICANO POLITICA PIU’ ATTENTA AI BISOGNI DEI SICILIANI

Print Friendly, PDF & Email

Piano per il Sud – ottenere risorse per il completamento delle due dorsali ferroviarie Tirrenica e Jonica, per la velocizzazione della Catania – Palermo e per la realizzazione di tutte quelle opere previste ed ancora non realizzate nell’Accordo di Programma Quadro, sottoscritto in Sicilia il 5/10/2001; – Attuare la Continuità Territoriale; – Rendere operativo il Piano Regionale dei Trasporti e dei Piani Attuativi (Aereo – Marittimo – Ferroviario – Stradale) che giacciono  nei cassetti dell’assessorato regionale dal 2004.

La Sicilia anno dopo anno, si è vista escludere dagli investimenti infrastrutturali e treno dopo treno, si è vista tagliare il trasporto universale da e per il nord. Negligenze, sviste, scarso interesse da addebitare, certamente, a tutta la classe politica regionale e nazionale, di entrambi gli schieramenti, che nulla hanno fatto per arginare questi continui tagli e per far decollare, una volta per tutte, quelle infrastrutture di cui il territorio siciliano ha veramente bisogno.

L’invito che voglio rivolgere, ai nostri Amministratori, è quello di produrre una politica più attenta ai bisogni primari della nostra Sicilia e dei siciliani, nei confronti di un Governo che ci penalizza sempre più. Allo stato attuale, non serve lo scaricabarile, la polemica o gli attacchi tra i maggiori esponenti della politica siciliana, (Miccichè, Buzzanca, Lombardo).

Se, la Sicilia da oltre quarant’anni vive ancora in questo stato di arretratezza infrastrutturale, la colpa non è da addebitare ad una sola parte politica, ma, quasi certamente, è da ricercare in tutta la classe politica siciliana, e nei vari rappresentanti siciliani al Parlamento e nei Governi nazionali che ci hanno governato. Ha ragione, il Governatore Lombardo nel chiamare all’appello, a prescindere dell’appartenenza politica, i deputati nazionali, regionali, i Presidenti delle province, i Sindaci, le forze sociali e i Siciliani per iniziare a reclamare ed ottenere i legittimi diritti e le aspettative che ci vengono negate.

Il territorio siciliano, non appartiene né alla politica di destra, né a quella di sinistra, ma è dovere della  politica garantire ai Siciliani lo sviluppo economico, sociale e infrastrutturale pari al resto d’Italia.

Questo, secondo me, è il momento in cui deve prevalere il senso di responsabilità dei nostri Amministratori nei confronti del Popolo siciliano, in considerazione del fatto che, non venga ulteriormente penalizzato il nostro territorio ma, di iniziare assieme a chiedere quanto ci spetta di diritto, così come viene sancito, dalla Costituzione all’articolo 3 (Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese) e all’articolo 16 (Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche. Ogni cittadino è libero di uscire dai territorio della Repubblica e di rientrarvi, salvo gli obblighi di legge).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook