Archiviato in | Lavoro

STABILIZZAZIONE PRECARI REGIONE, COMMISSARIO DELLO STATO BLOCCA LE ASSUNZIONI, MA I LAVORATORI INCASSANO LA SOLIDARIETA’ DEL PRESIDENTE LOMBARDO E DELL’ASSESSORE PIRAINO

STABILIZZAZIONE PRECARI REGIONE, COMMISSARIO DELLO STATO BLOCCA LE ASSUNZIONI, MA I LAVORATORI INCASSANO LA SOLIDARIETA’ DEL PRESIDENTE LOMBARDO E DELL’ASSESSORE PIRAINO

Print Friendly, PDF & Email

“La stabilizzazione dei precari e’ una scelta moralmente e finanziariamente ineccepibile quanto irrinunciabile”. Lo dice il presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo. “La stabilizzazione dei precari e’ una scelta moralmente e finanziariamente ineccepibile quanto irrinunciabile”. Lo dice il presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo.

“La lunga, e non nobile, storia del precariato, comunque, verra’ chiusa. Si sapeva che alcune parti della norma potevano essere impugnate – continua – ma adottando i necessari provvedimenti si raggiungera’ l’obiettivo prefissato. Ne siano certi gli interessati perche’ l’impegno preso verra’ mantenuto”. Per Lombardo, da parte del Commissario dello Stato, “non ci sono stati rilievi sotto il profilo dell’impianto tecnico giuridico della legge di stabilizzazione dei precari. Le eccezioni sollevate riguardano le qualifiche ‘alte’ e le date di stipula dei contratti dei soggetti da stabilizzare. Ma come gia’ detto, la norma sara’ difesa di fronte alla Corte Costituzionale, laddove l’Assemblea regionale siciliana, come auspicato, decida di ripresentare le parti impugnate, con apposito disegno di legge”.

“Con una decisione che per alcuni versi era nell’aria e per altri sorprende – almeno nelle motivazioni principali che l’hanno determinata – il Commissario dello Stato ha impugnato innanzi la Corte Costituzionale la parte della Legge regionale n.645, approvata il 14 dicembre scorso dall’ARS, che riguarda la stabilizzazione dei precari degli enti locali”. Lo dice Andrea Piraino, assessore al Lavoro della Regione siciliana.

“E’ un atto in parte previsto – spiega Piraino – perche’ in diverse circostanze il Vice-Commissario Demetrio Missineo aveva fatto riferimento alla necessita’ di adottare il modello di stabilizzazione dello Stato, mostrando di non condividere le potenzialita’ autonome della nostra Regione in materia di amministrazioni, regionale e locali. La sorpresa nasce invece dalle motivazioni che sostengono la decisione del Commissario dello Stato, che non ritiene adeguato un concorso pubblico che preveda il superamento di una prova scritta ed una orale o che si sia esplicato in un tempo diverso da quello in cui i selezionati entrano in pianta stabile in una amministrazione e che pretende che la legge impugnata impegni finanziariamente la Regione oltre i propri strumenti finanziari del Bilancio annuale e pluriennale.

Questa legge e’ un atto di responsabilita’ con la ‘a’ maiuscola – conclude Piraino – e il governo dovra’ difenderla a testa alta di fronte alla Corte Costituzionale, certo che le ragioni del buon andamento delle pubbliche amministrazioni siciliane e della salvaguardia del principio di eguaglianza sostanziale sono state ampiamente rispettate.”

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook