Archiviato in | Ambiente

SIRACUSA: PRESIDENTE BONO ILLUSTRA I RISULTATI DELL’INCONTRO ROMANO SULL’ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA CHIMICA

SIRACUSA: PRESIDENTE BONO ILLUSTRA I RISULTATI DELL’INCONTRO ROMANO SULL’ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA CHIMICA

Print Friendly, PDF & Email

Il presidente della Provincia regionale di Siracusa On Nicola Bono ha riunito stamani l’Osservatorio Provinciale  per la Chimica per illustrare ai suoi componenti ( comuni del polo industriale, sindacati di categoria,  organizzazioni imprenditoriali ) gli esiti della riunione  presso  il Ministero dello Sviluppo Economico  del 2 dicembre scorso a cui lo stesso Bono ha partecipato su invito del Comitato paritetico ex Art. 9  dell’Accordo di Programma per la reindustrializzazione del polo industriale di Priolo. Bono, dopo avere  rilevato che la stampa  nei giorni scorsi ha   riportato  alcune osservazioni  critiche  sia sulle modalità di espletamento della riunione  che sui risultati del stessa  ha voluto chiarire.

“ In primo luogo bisogna chiarire  –  ha detto Bono – che  all’incontro sono stato invitato solo io  in quanto il Comitato Paritetico è composto unicamente dai rappresentanti dei ministeri competenti  e  dell’assessore regionale  alle attività produttive . Non sono previsti altri soggetti . E’ stato solo per  assicurare un minimo di continuità alla riunione del 9 novembre scorso  che  si è ritenuto di allargare  anche al presidente della provincia di Siracusa la riunione,  e poi  io stesso ho trovato in quella sede il sindaco di Priolo, anch’egli invitato, ma non inserito nell’elenco dei soggetti partecipanti . Nessuna scelta   di “operare in solitaria” ma una conseguenza  di una decisione  assunta  dal comitato di coordinamento .”

“Sul piano dei risultati  – ha detto ancora Bono – la riunione  è stata estremamente  positiva . Sia perché  il governo ha quantificato in 23 milioni  l’importo del suo contributo per le nuove attività di impresa , sia perché la Regione ha confermato in pieno i 60 milioni da destinare agli incentivi . In tutto 83 milioni di euro  per i quali ministero e regione hanno assunto l’impegno  di addivenire , entro questo mese,  alle modalità  di erogazione.”

“Ho fatto inserire a verbale,  cosa accolta all’unanimità, la proposta che definite le modalità di erogazione degli incentivi  se ne darà ampia pubblicità  in modo da consentire alle eventuali nuove  attività che si volessero aggiungere alle sei già istruite  di poterlo fare . Infatti gli 83 milioni di euro di cui dispone  il progetto  sono di gran lunga maggiori rispetto  al fabbisogno  delle prime sei  iniziative “.

“Un altro aspetto fondamentale  dell’incontro – per Bono –  è stato che per la prima volta in  un documento ufficiale  si è assunto il principio  di operare in sinergia fra le attività dell’Accordo di Programma per la Chimica  del  2005  con quelle relative agli interventi previsti dall’Accordi di Programma  per le Bonifiche  del  2008 , per consentire tra l’altro  di intervenire con priorità nelle azioni di bonifica  nei terreni oggetto di richieste per nuove attività produttive.”

“Un altro aspetto positivo   che ho proposto a verbale è stato  l’impegno di intervenire al più presto , ed in ogni caso contemporaneamente  alla questione degli incentivi, sul  tema della determinazione  del valore  delle aree ex Syndial, in modo da consentirne  la gestione  in termini  di competitività. Ho infatti sostenuto  che non avrebbe avuto molto significato  assicurare  incentivi alle imprese  senza avere prima stabilito un prezzo  di gestione  attrattivo  ed economicamente  sostenibile per le impeese.”

“Infine  è stato chiarito  il punto relativo al bilanciamento del Cracking che rimane , come fu stabilito nella riunione del  9 novembre scorso,   una questione fondamentale  da chiarire e definire una volta per tutte. In tal senso il governo ha confermato lì’impegno di indire al più presto  un incontro   con l’Osservatorio nazionale della chimica  per stabilire in quella sede  una strategia  definitiva  che riguardi le prospettive del settore chimico su scala nazionale  “

“E’ stato però chiarito in maniera incontrovertibile  – ha detto infine Bono –  che i 23 milioni di euro  degli incentivi  non sono in alcun modo compresi o collegati  ai 160 milioni a suo tempo stabiliti  nell’Accordo per agevolare il bilanciamento  del cracking . Questo ulteriore chiarimento  non solo è fondamentale  in sé ma ha anche il pregio indiscutibile  di chiudere definitivamente  ogni possibile supposizione  contraria  e quindi va nella direzione della chiarezza e della trasparenza con cui occorre gestire una vicenda complessa come l’attuazione dell’Accordo,  che di tutto ha bisogno tranne che di confusione  circa le sue  modalità attuative “

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook