Archiviato in | Cronaca Sindacale

PALERMO: COOPERATIVE SOCIALI IN PIAZZA PER CHIEDERE AL GOVERNO REGIONALE DI RILANCIARE ASSISTENZA SOCIALE E SANITARIA

PALERMO: COOPERATIVE SOCIALI IN PIAZZA PER CHIEDERE AL GOVERNO REGIONALE DI RILANCIARE ASSISTENZA SOCIALE E SANITARIA

Print Friendly, PDF & Email

Un emendamento alla Finanziaria per rilanciare l’assistenza sociale e sanitaria e per far fronte alla grave crisi del settore. E’ questo il documento che domani le principali organizzazioni del settore (Agci Sicilia, Aifi, Aism, Cittadinanzattiva, Coordinamento H, Federsolidarietà, Legacoopsociali, Parlamento sociale, Sclerosi multipla e Sicud) presenteranno al presidente della Regione, Raffaele Lombardo, al termine della manifestazione indetta a partire dalle 9 davanti a Palazzo d’Orleans, a Palermo.
Nel testo, sono stati delineati una serie di interventi che affrontano in maniera complessiva i nodi critici del settore, a partire dal recepimento della direttiva europea che prevede, tra le altre cose, che i pagamenti delle amministrazioni pubbliche vengano effettuati entro 30 giorni (che possono divenire 60 per la sanità). «Questa direttiva non è stata ancora recepita dall’Italia – dice Michele Cappadona, presidente dell’Agci Sicilia – Ebbene, noi chiediamo che la Regione si ponga all’avanguardia, accogliendo per prima nel Paese tale normativa».

Ma l’emendamento individua anche gli strumenti più adatti al rilancio delle imprese sociali: la costituzione di un apposito fondo regionale per i trasferimenti a Comuni e Province; la rideterminazione degli standard organizzativi e professionali nonché delle rette per i servizi residenziali in favore di anziani, minori, disabili fisici e psichici e per le altre categorie di cittadini fragili; l’adeguamento al costo reale della vita dei corrispettivi a enti e cooperative sociali; il rispetto del contratto nazionale di lavoro; una misura per favorire l’inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati. Nell’emendamento, si chiede anche un maggiore impegno economico della Regione, con un finanziamento di 5 milioni di euro per l’Ircac e un incremento di 10 milioni per il fondo destinato alle comunità alloggio per i ricoveri dei pazienti degli ex ospedali psichiatrici. Ma non solo: le organizzazioni del settore propongono anche misure volte a garantire maggiore trasparenza tanto per i bandi pubblici, quanto per le imprese sociali.
«Non chiediamo la luna – dice Cappadona – ma non intendiamo assistere inermi dinanzi a un tragico paradosso: quello per cui oggi si continua a far pagare gli effetti della crisi economica a chi giornalmente affronta e risolve i gravi problemi delle fasce sociali più deboli e bistrattate. Non dimentichiamo che fino ad oggi sono state le cooperative a sopperire ai Comuni nell’erogazione dei servizi sociali ai cittadini».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook