Archiviato in | Arte e Cultura, Mostre, Pittura

CATANIA: CENTRO FIERISTICO “LE CIMINIERE”, CHIUDE I BATTENTI L’ANTOLOGICA DI JEAN CALOGERO. INTERVISTA CON LA FIGLIA PATRIZIA

CATANIA: CENTRO FIERISTICO “LE CIMINIERE”, CHIUDE I BATTENTI L’ANTOLOGICA DI JEAN CALOGERO. INTERVISTA CON LA FIGLIA PATRIZIA

Print Friendly, PDF & Email

La rappresentazione di un mondo interiore dove solo pochi possono avere accesso. Un’arte intima che riproduce luoghi, persone e simboli cari. Tutto questo è Jean Calogero, un artista che ha portato nel cuore le proprie radici e fatto conoscere la sua “mediterraneità” in tutto il mondo. Un universo parallelo nel quale riconoscersi e immergersi che è stato accolto dalla Galleria d’Arte Moderna del Centro Culturale Le Ciminiere dal 23 novembre e che domenica 12 dicembre ha visto l’ultima ondata di pubblico entrare e ammirare quel percorso nella vita e nelle opere del pittore. Un cammino che noi abbiamo fatto in compagnia del prof. Carmelo Strano (curatore della mostra) e della figlia dell’artista Patrizia Calogero, per comprendere la vera essenza di ogni opera e per potere anche conoscere un po’ meglio il genio di Calogero attraverso aneddoti di vita familiare. Calogero era un sognatore e ciò si percepisce subito guardando i suoi quadri, il professore Strano – che ha curato anche la biografia – lo descrive come un surrealista che «non prova interesse per la “réalité”, essa non lascia spazio all’immaginazione e ancor meno alla fantasia».

Jean Calogero è stato un uomo che per la sua visione onirica della vita che si è affermato in tutto il mondo facendo, in particolar modo, della Francia la sua seconda patria ma continuando sempre a portare nel cuore la sua terra, la madre che gli diede i natali e che lo cullò anche nei momenti più difficili della propria esistenza. Nelle sue tele spesso si possono riconoscere paesaggi familiari che ricordano la laguna veneziana o la piazza di Aci Castello.

Il percorso biografico/artistico di Calogero si pone in ascesa già, negli anni ’40 – ’50 i suoi soggetti preferiti sono stati il circo, le bambole abbigliate a festa ma con visi tristi, il carnevale siciliano. Sono queste le opere che gli hanno aperto le porte del successo e che lo hanno condotto fino ad Hollywood dove attori, registi e produttori ne richiedevano intere collezioni. Gli anni ’60 – ’70 sono un periodo in cui il pittore si cimentò in nuove sperimentazioni le quali avevano per soggetto carretti, maschere, cavalli, cavalieri e le bellezze paesaggistiche dei luoghi che egli amava: Parigi e Catania. Negli anni ’80 – ’90 tornò ad Aci Castello e qui si fece ispirare dai luoghi che frequentava e in cui viveva. In questi anni cominciò a fare uso di gradazioni che ricordano molto i colori della sua terra, il rosso (come la lava dell’Etna) e il blu (come il fondo del mare della riviera dei ciclopi).

Durante questo viaggio nel tempo, era inevitabile notare come dagli occhi della figlia Patrizia trasparisse l’ammirazione per il padre e un grande rispetto, ma soprattutto la nostalgia dei tempi in cui egli era in vita e quando da piccola le veniva chiesto di posare con serietà a nuove creazioni. A questo punto sorge spontanea una domanda che abbiamo rivolto a Patrizia: «Qual è il ricordo più vivo che hai di tuo padre?» e lei con lo sguardo perso nella memoria e con una dolcezza infinita ci ha risposto: «Ricordo con grande affetto che mio padre dipingeva con la musica ad altissimo volume in sottofondo e che canticchiava mentre lavorava senza mai perdere la concentrazione. Ma la cosa che più di tutte gli stava a cuore era l’opinione di mia madre, alla fine di ogni suo lavoro egli le chiedeva un parere e se lei dimostrava qualche piccolo dubbio mio padre era capace di stracciare la tela e ricominciare da capo il lavoro».

Adesso che la mostra delle Ciminiere ha chiuso i battenti è possibile ammirare le creazioni di Jean Calogero presso la Galleria d’Arte Artesia di Catania.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook