Archiviato in | Arte e Cultura, Mostre, Pittura

CATANIA: AL CASTELLO URSINO LA MOSTRA “MODIGLIANI, RITRATTI DELL’ANIMA”. IL MISTERO DI “AGATAE”

CATANIA: AL CASTELLO URSINO LA MOSTRA “MODIGLIANI, RITRATTI DELL’ANIMA”. IL MISTERO DI “AGATAE”

Print Friendly, PDF & Email

Un intrigante mistero accompagna la mostra “Modigliani, ritratti dell’anima” in programma al Castello Ursino fino all’11 febbraio. Si tratta dell’inedito “Ritratto di Agatae” un’opera mai pubblicata ad oggi e che ritrae la santa patrona della nostra città. Un’efficace operazione di marketing o realmente Modigliani ritrasse ‘a santuzza? Secondo Christian Parisot, Presidente degli Archivi Modigliani, sarebbe opera autentica e ne spiega la storia. Il ritratto nascerebbe nel 1919, durante gli anni parigini durante i quali per il pittore, proveniente da un’agiata famiglia, ebbe inizio un periodo duro della Sua vita di uomo e di artista.

L’opera di cui parliamo sarebbe una tra le poche immagini del cristianesimo rivisitato in chiave esoterica. Ma cosa lega Modigliani a Catania?  Probabilmente, spiega lo studioso,  il pittore fu suggestionato dalla conversione al Cristianesimo di un caro amico, di famiglia ebrea come Lui. Inoltre, aggiungendo un altro tassello, sempre Parison racconta di come il fratello del pittore, Emanuele, ebbe modo di vivere a lungo nella nostra città e probabilmente, dopo aver assistito alla grande festa che la città tributa alla Sua Santa patrona, inviò qualche disegno al fratello. Da qui, il ritratto di Agata autenticato, tra l’altro, dalla figlia di Amedeo Modigliani.

Un ulteriore passo avanti, che converge verso l’autenticità dell’opera, viene dalla testimonianza di una vecchia signora toscana che afferma di aver avuto in casa quel ritratto fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Ma su questo, Parison si riserva di dire la Sua dopo averLa incontrata. Al di là del mistero del ritratto di Agata, la mostra su Modigliani va vista in quanto ci dà una visione diversa e piu’ completa del personaggio, lontana anni luce da quella che finora la storia ci ha tramandato. A questo punto la palla passa ai politici:  il “Ritratto di Agatae” dovrebbe avere come sede naturale la nostra città e sarebbe il caso di intavolare una trattativa di acquisto con il gallerista italo-londinese che ne è il proprietario. Intanto la mostra, organizzata dal “Modigliani Institut Archives Legales, Paris-Rome” in collaborazione con il Comune di Catania, continua a mietere successo e a richiamare un’infinità di visitatori a riprova che, quando l’offerta di qualità c’è, la risposta della città non si fa attendere.

3 Risposte a “CATANIA: AL CASTELLO URSINO LA MOSTRA “MODIGLIANI, RITRATTI DELL’ANIMA”. IL MISTERO DI “AGATAE””

  1. PEPI CARLO ha detto:

    S. Agata fa parte di una serie interminabile di disegni la cui grafia è abissalmente distante da quella del grande Modigliani e probabilmente in mostra ve ne sono altri, come solitamente accade
    in quelle effettuate dagli Archivi.
    Tra l’altro devo dire di aver fatto parte degli Archivi Legali Modigliani, ma quando nel 1988 mi resi conto di questo proliferare, non condividendo l’attribuzione che gli altri tre membri andavano effettuando, decisi nel 1990 di dimettermi lasciando anche la Casa Natale dell’Artista che avevo fondato ediretto.
    Ora finalmente qualcuno si è accorto dell’esistenza di questo annoso problema proliferato nell’indifferenza generale della critica.

  2. FRANCESCO BUFFA DESIGNER ha detto:

    Spero che qualcuno ricordi ancora la famosa “burla dei Modì” – era il non lontano 1984 – quando un gruppo di studenti burloni fu protagonista della famosa beffa delle false teste di Amedeo Modigliani, scolpite e fatte ritrovare per puro divertimento nell’Arno, burla poi ampiamente confessata, in quell’occasione persero la faccia un numero incredibile di “studiosi” – critici d’arte, direttori di musi, ecc. per non mortificare nessuno, citerò semplicemente il grande Giulio Carlo Argan (passato a miglior vita), le cui competenze, ancora oggi nessuno oserebbe mettere in discussione, grande studioso dell’arte, che a suo tempo fece tremare studenti di liceo e universitari. Ciò premesso, voglio esprimere anche in questo caso il mio dissenso perché ancora una volta, non credo all’autenticità dello “inedito Ritratto di Agatae” – (la Santa Patrona di Catania) – “scoperto nel retro di una lettera indirizzata a Modigliani da un prelato di Noto”. Ad avviso di chi scrive, i tratti del disegno, sono dal punto di vista grafico, una enfatizzata caricatura dei tratti del vero Modigliani che abitualmente vediamo nell’opera del grande artista livornese, anche la firma sembra essere una copia non troppo ben fatta. In altre parole – scusatemi non credo all’autenticità di questa opera che sono convinto, farà soltanto la gioia del venditore che in lacrime la venderà, ma soltanto per arricchire il patrimonio della città di Catania.

  3. PEPI CARLO ha detto:

    Ora la verità è iniziata a venire a galla, ma quante persecuzioni ho dovuto subire per averla sostenuta da 25 anni!
    PEPI CARLO ex membro degli archivi Modigliani dimessosi nel 1990 proprio per questi disegni eseguiti dall’anima di Modigliani post-mortem che gli altri membri Parisot, Guido e Giorgio Guastalla andavano pubblicando.

Trackbacks/Pingbacks


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook