Archiviato in | Lavoro

ROMA: VICENDA FIAT TERMINI IMERESE, IL PRESIDENTE LOMBARDO E L’ASSESSORE REGIONALE VENTURI INCONTRANO MINISTRO SVILUPPO ROMANI

ROMA: VICENDA FIAT TERMINI IMERESE, IL PRESIDENTE LOMBARDO E L’ASSESSORE REGIONALE VENTURI INCONTRANO MINISTRO SVILUPPO ROMANI

Print Friendly, PDF & Email

“I progetti di Rossignolo e Cimino non sono incompatibili e abbiamo dato la nostra disponibilita’ per giungere alla migliore soluzione per il sito industriale di Termini Imerese . L’advisor fara’ ulteriori accertamenti e a conclusione della verifica dei sette progetti, in piena sintonia col governo, parteciperemo perche’ possano andare in porto queste soluzioni alternative che consentono di mantenere la manodopera  – ha commentato il Presidente Raffaele Lombardo al termine dell’incontro con il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani, al quale hanno partecipato anche l’assessore alle Attivita’ produttive Marco Venturi e i rappresentanti della Rossignolo e della Cape di Cimino –  “Aspettiamo domani, per ulteriori incontri presso il Ministero, al fine di approfondire anche le altre proposte – spiega l’Assessore Venturi-. Ma siamo giunti alla stretta finale per decidere il futuro dello stabilimento di Termini Imerese, che Fiat lascera’ il 31 dicembre del 2011. Ci aspettiamo che il gruppo torinese mantenga la parola data e al momento opportuno ceda le chiavi dello stabilimento ad un prezzo simbolico. Confidiamo, su quest’ultimo punto, anche sulla mediazione del ministro Romani.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook