Archiviato in | Feste

8 DICEMBRE FESTA DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE

8 DICEMBRE FESTA DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE

Print Friendly, PDF & Email

Oggi è l’8 dicembre, festa dell’Immacolata Concezione.  E’ un dogma cattolico, proclamato da papa Pio IX 156 anni fa con la bolla papale “Ineffabilis Deus”, che sancisce come la Vergine Maria sia stata preservata immune dal peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento.

Per sottolineare l’importanza del dogma la Chiesa cattolica celebra l8 dicembre la solennità dell’Immacolata Concezione della Beatissima Vergine Maria con la Messa Gaudens gaudebo. Questa festività era già celebrata in Oriente nel sec. VIII, e venne importata nell’Italia meridionale da monaci bizantini, propagandosi poi a tutto l’Occidente, soprattutto su iniziativa degli ordini religiosi benedettini e carmelitani. Fu inserita nel calendario della Chiesa universale da Papa Alessandro II con la bolla “Sollicitudo omnium ecclesiarum” dell’8 dicembre 1661.

L’8 dicembre 1867,Papa Pio IX, inaugurò e benedisse a Roma , il monumento dellImmacolata, detto di piazza di Spagna, in realtà nell’adiacente Piazza Mignanelli.

Papa Pio XII, nel giorno dell’Immacolata Concezione, ha iniziato a inviare dei fiori come omaggio alla Vergine; il suo successore, Papa Giovanni XXIII, nel1958, uscì dal Vaticano e si recò personalmente in Piazza di Spagna, per deporre ai piedi della Vergine Maria un cesto di rose bianche, e successivamente fece visita alla basilica di Santa Maria Maggiore. Tale consuetudine è stata continuata anche dai papi successivi. Curiosamente Papa Paolo VI nel 1974, per rispettare il divieto di circolazione automobilistica durante l’austerità, adoperò una carrozzella a cavalli, la botticella.

La visita in Piazza di Spagna prevede un momento di preghiera, quale espressione della devozione popolare. L’omaggio all’Immacolata prevede il gesto della presentazione dei fiori, la lettura di un brano della Sacra Scrittura e di un brano della Dottrina della Chiesa cattolica, preghiere litaniche e alcuni canti mariani, tra cui il Tota Pulchra.

Ecco la parte centrale di quel documento: “Perciò, dopo aver presentato senza interruzione, nell’umiltà e nel digiuno, le Nostre personali preghiere e quelle pubbliche della Chiesa, a Dio Padre per mezzo del suo Figlio, perché si degnasse di dirigere e di confermare la Nostra mente con la virtù dello Spirito Santo; dopo aver implorato l’assistenza dell’intera Corte celeste e dopo aver invocato con gemiti lo Spirito Paraclito; per sua divina ispirazione, ad onore della santa, ed indivisibile Trinità, a decoro e ornamento della Vergine Madre di Dio, ad esaltazione della Fede cattolica e ad incremento della Religione cristiana, con l’autorità di Nostro Signore Gesù Cristo, dei Santi Apostoli Pietro e Paolo e Nostra, dichiariamo, affermiamo e definiamo rivelata da Dio la dottrina che sostiene che la beatissima Vergine Maria fu preservata, per particolare grazia e privilegio di Dio onnipotente, in previsione dei meriti di Gesù Cristo Salvatore del genere umano, immune da ogni macchia di peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento, e ciò deve pertanto essere oggetto di fede certa ed immutabile per tutti i fedeli“.

Era il 1854. Ma l’evento che ha generato la devozione cattolica attorno alla figura di Maria avvenne a Lourdes quattro anni dopo. Bernadette Soubirous, allora 14enne, ottenne di vedere la Madonna, la quale, nella 16esima apparizione (25 marzo) disse: “Que soy era Immaculada Councepciou” (Io sono l’Immacolata Concezione). Bernadette ricevette la beatificazione nel 1925 e la Canonizzazione nel 1933, durante il pontificato di Pio XI. È la santa protettrice degli ammalati ed è ricordata il 16 aprile.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook