Archiviato in | Economia

PALERMO: ECONOMIA, L’ASSESSORE REGIONALE ARMAO INCONTRA PARTI SOCIALI SU SVILUPPO REGIONE

PALERMO: ECONOMIA, L’ASSESSORE REGIONALE ARMAO INCONTRA PARTI SOCIALI SU SVILUPPO REGIONE

Print Friendly, PDF & Email

L’assemblea regionale siciliana si appresta ad esaminare una finanziaria di rigore nella quale, tuttavia, si riservano rilevanti risorse per sostenere lo sviluppo economico e la crescita. Altrimenti non vi saranno prospettive per l’economia siciliana, stante il perdurare della crisi internazionale, che costringe le istituzioni europee a chiedere sacrifici ai propri cittadini”. Cosi’ ha esordito l’assessore regionale dell’Economia, Gaetano Armao, all’apertura del tavolo tecnico convocato con le parti sociali per affrontare con regolarita’ i temi dello sviluppo della Regione. “Piano per il sud e federalismo fiscale – ha detto Armao, introducendo i lavori – sono i temi piu’ importanti sui quali giovedi’ mattina a Roma dovremo discutere in conferenza Stato-Regioni.L’ultima riunione ha visto una netta contrapposizione con il governo nazionale che, per quanto riguarda le regioni a statuto speciale, ai pesanti tagli gia’ applicati, compresi quelli sul Fas (per la Sicilia oltre 400 milioni che quasi equivalgono a quelli complessivamente praticati su tutte le Regioni del centro-nord) aggiunge l’illegittima diretta applicazione dei costi standard. Mentre gli statuti regionali, e la stessa legge sul federalismo, impongono che si proceda per tali regioni attraverso le norme di attuazione”.

“Quel che sospettavamo – ha aggiunto Armao – si e’ manifestato, il governo vuole applicare alle regioni del sud un federalismo insostenibile. Lunedi’ presenteremo le nostre rivendicazioni in sede di Commissione paritetica e se giovedi’ non saranno accolte le nostre richieste praticheremo lo stesso metodo: prendere o lasciare e, a quel punto, il federalismo di facciata saltera’ anche come manifesto elettorale”. L’assessore ha poi ribadito le proprie preoccupazioni per il Piano per il sud che, se applicato cosi’ come e’ stato presentato, “risulta privo, al di la’ di qualche idea progettuale, di concreti contenuti, toglie risorse al sud anziche’ aggiungerle, introduce a carico dei fondi per lo sviluppo economico il finanziamento di altre politiche, come la modernizzazione del sistema giustizia, che avrebbero potuto essere finanziate con i fondi confiscati alla mafia e che, invece,sono stati dirottati verso altri lidi, con buona pace dei siciliani che, a questo punto, risultano vessati due volte: dalla mafia prima e dallo Stato poi”.

“E che dire, poi, della perequazione infrastrutturale, che dovrebbe individuare risorse ed opere per colmare il divario che separa il sud dal nord, e che e’ affidata ad un decreto interministeriale che individua criteri di cui non si conoscono gli approdi? E cio’ mentre il federalismo fiscale, voluto dalla Lega, va avanti a tappe forzate”. L’assessore e’ poi passato ad illustrare la filosofia e le scelte che il governo regionale intende portare avanti nella prossima legge finanziaria, di imminente discussione all’Ars. “Di fronte alle inevitabili riduzioni delle disponibilita’ di spesa degli assessorati, dobbiamo pervenire, dopo le amputazioni provocate dall’intervento del presidente dell’Assemblea, ad una rimodulazione che preservi la prospettiva del risanamento non irrigidendo tagli che altrimenti risulterebbero indiscriminati”. Armao ha proseguito illustrando l’impegno assunto con l’Anci e la Commissione bilancio dell’Ars per recuperare significative risorse da destinare al fondo per le autonomie, eliminando tuttavia elementi discrezionali e spese superflue. “Il tema delle riforme strutturali tornera’ in finanziaria – ha precisato Armao – e cosi’ avverra’ per la semplificazione amministrativa, la sburocratizzazione e la digitalizzazione della pubblica amministrazione e per la riforma dei Consorzi Asi, per i quali abbiamo gia’ pronti gli emendamenti da inserire in finanziaria”.

“Quanto alle risorse disponibili da destinare allo sviluppo – ha concluso l’assessore Armao – il nostro impegno e’ massimo. Si trattera’ di almeno 350 milioni che saranno investiti per imprese ed enti locali in funzione anticongiunturale. A questi vanno aggiunti l’avvio del credito d’imposta nel 2011 e l’approntamento di importanti risorse dell’Irfis con funzione di controgaranzia per i consorzi fidi siciliani che potranno mobilitare almeno 400 milioni di nuovi ed ulteriori investimenti per le imprese”. A conclusione del dibattito le parti si sono date appuntamento per lunedi’ 13 dicembre alle ore 10. L’assessore illustrera’ l’andamento degli incontri romani in sede di Conferenza Stato-regioni e si proseguira’ il confronto sul ddl di bilancio e legge finanziaria.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook