Archiviato in | Arte e Cultura

CATANIA: PREMIO “DANZUSO” AL TEATRO STABILE, CONSEGNATI I PRESTIGIOSI RICONOSCIMENTI AD AUTOREVOLI ARTISTI

CATANIA: PREMIO “DANZUSO” AL TEATRO STABILE, CONSEGNATI I PRESTIGIOSI RICONOSCIMENTI AD AUTOREVOLI ARTISTI

Print Friendly, PDF & Email

Prestigiosa edizione del premio “Domenico Danzuso”, celebrata sul palcoscenico del Teatro Verga  nel decennale della scomparsa del grande critico e storico teatrale catanese. L’albo d’oro del premio si arricchisce, in questa nona edizione, di un formidabile quartetto di artisti: premio alla carriera ad un figlio dell’Etna come Pippo Baudo, autentica icona della televisione, e premi per alti meriti artistici al pianista catanese Giovanni Cultrera, al  soprano abbruzzese Donata D’Annunzio Lombardi e all’attore palermitano Luigi Lo Cascio.

Di fronte alla sala gremita del pubblico delle grandi occasioni, viva soddisfazione hanno espresso i rappresentanti dei tre enti promotori, ossia il presidente del Lions Club Catania Host Arturo Pittella con il past president Francesco Corsaro Boccadifuoco, il presidente della Società Catanese Amici della Musica Antonio Maugeri e il direttore del Teatro Stabile di Catania Giuseppe Dipasquale. Una convergenza di intenti galvanizzata dal costante sostegno di Lina Polizzi Danzuso, moglie dello studioso scomparso e madrina d’onore della manifestazione, coordinata da Vittoria Napoli La Rocca e sapientemente condotta dal giornalista Andrea Lodato, firma del quotidiano “La Sicilia”, testata che per oltre cinquant’anni ha pubblicato le recensioni di Danzuso e i suoi interventi dalla straordinaria forza civile ed etica.

La blasonata giuria – che annovera, insieme ai nomi di Dipasquale, Maugeri, Pittella anche il critico Andrea Bisicchia e il regista Maurizio Scaparro – continua a  valorizzare figure che si sono distinte nel campo del teatro e della musica, ambiti affini ma diversi ai quali Domenico Danzuso si è dedicato con uguale passione. Risultato: una serata-spettacolo davvero ricca di variegate proposte. Coinvolgente l’esecuzione di Liszt e Chopin data dal virtuoso Giovanni Cultrera, che ha ricevuto la targa dalle mani della signora Lina. Intensa e asciutta la lettura leopardiana di Luigi Lo Cascio (a premiarlo Andrea Bisicchia), interprete svincolato dai canoni tradizionali e beniamino del pubblico teatrale ma anche del piccolo e grande schermo. Charme e classe hanno segnato l’esibizione del soprano Donata D’Annunzio Lombardi, qui affiancata dal compagno, il tenore Leonardo Caimi. Autentica primadonna della celebrata tradizione belcantista italiana, l’artista ha ricevuto la targa dalla sovrintendente del Teatro Massimo Bellini Rita Gari Cinquegrana. Per Baudo, invece, una scultura del catanese Dino Cunsulo, a lui consegnata dal direttore del giornale  “La Sicilia” Mario Ciancio, che ha ricordato il suo profondo sodalizio con il Pippo nazionale, lo stesso che pochi minuti prima aveva riscaldato l’uditorio dando vita ad un intelligente esercizio di satira con l’amico di sempre Tuccio Musumeci.

E’ in quest’ampia visione dell’arte teatrale che il premio “Danzuso”  intende perpetuare l’eredità di un protagonista della vita culturale teatrale catanese, e non solo, autore di importanti saggi, volumi sulla storia teatrale etnea e monografie sul Teatro Massimo Bellini. Personalità straordinariamente proficua, insignito in vita di importanti riconoscimenti come il Flaiano, la Lente d’oro e il Randone, Domenico Danzuso è ricordato oggi anche grazie al premio con cui ogni anno la sua città, Catania, lo ripropone quale vivido stimolo di crescita culturale e morale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook