Archiviato in | Cronaca Sindacale

CATANIA: SVILUPPO E OCCUPAZIONE, PRESIDENTE PROVINCIA INCONTRA RAPPRESENTANTI SINDACALI, DATORIALI E DEI SOGGETTI SOCIALI.

CATANIA: SVILUPPO E OCCUPAZIONE, PRESIDENTE PROVINCIA INCONTRA RAPPRESENTANTI SINDACALI, DATORIALI E DEI SOGGETTI SOCIALI.

Print Friendly, PDF & Email

L’istituzione di tavoli tematici sui vari settori economici: dall’industria, all’edilizia, dall’agricoltura ai servizi; un confronto costante tra tutti i soggetti istituzionali ed economici che preveda la  comunicazione , l’ascolto e la condivisione delle esigenze, delle priorità e delle linee di intervento secondo un programma ampiamente condiviso. Tutto tramite l’individuazione di risorse certe e di soggetti operativi, sulla base   delle specifiche competenze. Questi, in sintesi, i risultati dell’incontro che si è tenuto stamani nel Centro direzionale Nuovaluce, tra il presidente della Provincia, Giuseppe Castiglione, i segretari generali provinciali di CGIL; CISL. UIL; UGL, CONFSAL, i rappresentanti delle associazioni datoriali e delle categorie artigianali, agricole, industriali e commerciali e dell’Ufficio  provinciale del lavoro.

L’incontro, promosso dal responsabile della Task force lavoro e sviluppo della Provincia, Totò Leotta, ha sostanzialmente  aperto un tavolo di concertazione che ha l’obiettivo di verificare quanto è stato fatto dall’Amministrazione provinciale per affrontare la crisi economica in atto e confrontare e integrare la propria azione con le richieste dei vari soggetti. Sono necessari, è stato comunemente rilevato, atti straordinari per fronteggiare una crisi che in provincia di Catania non può essere affrontata e risolta con interveti di routine o stimolati solo  dall’emergenza. In questo contesto il recupero dei centri storici, dal punto di vista architettonico, urbanistico e sociale, ma anche la messa in sicurezza del territorio nel suo insieme,  nell’ottica   di importante opera  di prevenzione, che metterebbe, nell’immediato,  in modo tutta l’edilizia e il suo indotto e nel tempo eviterebbe di affrontare costi rilevanti per la ricostruzione.

Alla Provincia è stato chiesto di sollecitare i Comuni che non hanno ancora individuato  le aree da destinare alle cooperative edilizie  per la costruzione di abitazioni, nel solo territorio di Catania  potrebbero essere circa 5.000 vani, con una ricaduta importante sul piano dell’economia locale. La Provincia si è posta come soggetto virtuoso che ha in questi ultimi due anni razionalizzato la spesa, pianificando  e programmando  le azioni interne ed esterne all’Ente, garantito i servizi e avviate importanti iniziative per la riduzione dei costi energetici, tramite la costituzione dell’Apea, Agenzia provinciale economia e ambiente. Costante il  sostegno agli artigiani con i contributi a fondo perduto, organizzate importanti manifestazioni di promozione dell’artigianato di qualità e garantito il pagamento ai fornitori in tempi ridottissimi, appena due settimane, come riconosciuto con pubblico apprezzamento dai vertici di Confindustria Catania, che hanno chiesto anche una maggiore attenzione su vigilanza e pulizia all’interno della zona industriale di Pantano d’Arci, in stato di grande degrado, coinvolgendo la Pubbliservizi. La Provincia, inoltre, ha ottenuto un  finanziamento di 100.000 euro dalla  Banca europea di investimenti, una delle più grosse operazioni per un ente locale, per  interventi infrastrutturali sul territorio.

Nel complesso, infine, è stata espressa l’unanime volontà di confermare il ruolo di coordinamento della Provincia nella’ambito delle politiche attive del lavoro. Già la prossima settimana sarà stipulato un calendario di incontri su tavoli specifici  per costruire concretamente le ipotesi sulle quali confrontarsi e operare in tempi brevi e medi. In merito Angelo Villari, segretario  generale  Cgil e Alfio Giulio, segretario generale della Cisl hanno dichiarato: “Da tempo il sindacato auspicava un confronto diretto con l’Ente. Lo avevamo chiesto con forza nel corso della manifestazione “Contro la mafia per il lavoro” dello scorso 22 ottobre. Siamo dunque soddisfatti di questa convocazione e ci auspichiamo anche l’apertura di singoli tavoli tematici.  Chiediamo alla Provincia di concentrarsi su alcune priorità in grado di contrastare crisi ed emergenza sociale e occupazionale. Ci riferiamo al funzionamento degli ammortizzatori in deroga necessari per sostenere il reddito di chi ha perso il lavoro, ma e’ anche necessario investire sul recupero dei centri storici , sulla messa in sicurezza degli uffici pubblici e scolastici per rilanciare l’edilizia; e ancora, rilancio delle attività produttive sul fronte agricolo e industriale, garantire servizi alle imprese e coordinare i lavori con gli altri comuni della provincia per l’ utilizzo di fondi comunitari”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook