Archiviato in | Calcio

CALCIO: SERIE A, ROSSOAZZURRI BATTUTI AL “MASSIMINO” DALLA JUVE PER 1 – 3

CALCIO: SERIE A, ROSSOAZZURRI BATTUTI AL “MASSIMINO” DALLA JUVE PER 1 – 3

Print Friendly, PDF & Email

Il Catania cede alla Juventus, che si avvicina sempre più alla capolista Milan. Juve che vince 3-1 sfidando la squadra rossoazzurra volenterosa e sfortunata. Infatti, essa ha pagato a caro prezzo le i difetti della difesa. E’ subito partita con un episodio nell’are della juventus: Morimoto viene contrastato, ma il direttore di gara lascia proseguire l’azione. Al 4’minuto da registrare una buona conclusione di Biagianti che termina di pochissimo alto sopra la traversa. Nei primi della partita i torinesi risentono della carica offensiva del Catania. I rosso azzurri in avanti, ci prova dalla distanza anche Ledesma, brividi per Storari con la palla che finisce a lato. Buoni spunti anche per la Juventus che non resta a guardare, Biagianti perde banalmente palla ma Krasic tenta una brutta conclusione che si perde. Ancora il Catania, a fare gioco che costruisce ottime occasioni da rete. La Juve prova a rallentare la partita, affidandosi a qualche sporadica ripartenza, soprattutto dalle parti di Krasic, ben controllato da Alvarez. Al 30’minuto Quagliarella colpisce un palo, ma l’azione viene interrotta per la posizione di fuorigioco dell’ex attaccante del Napoli. Bianconeri in avanti che trovano lo spunto per il gol: Iaquinta crossa in area, Potenza non individua Pepe che realizza la prima rete. La reazione del Catania è però molto forte, infatti, Morimoto prende spunto da una mischia al 36’minuto, calcia e la palla finisce alle spalle del portiere juventino. È il pareggio 1-1, i tifosi del Massimino sono in “palla”. Catania ancora in avanti e continua a pressare la Juve nella propria metà campo. Verso al fine del primo tempo la formazione ospite con uno scatto si porta in area rossoazzurra, Quagliarella si libera e conclude con un gran tiro: la palla rimbalza sulla traversa e finisce in porta, ma il direttore di gara annulla. Match ricco di emozioni. Il gioco continua, pochi istanti dopo, Quagliarella ci riprova e, conclude. Termina così il primo tempo in favore della Juventus per 2 reti a zero. Catania sfortunato che crea diverse occasioni da rete ma non riesce a concretizzare le azioni e va in “tilt” nei momenti necessari per finalizzare. La Juventus, rafforzata dal nuovo vantaggio, si organizza al meglio. Al 7’minuto Pepe si porta in avanti, entra in area, e con una staffilata tira su Andujar che respinge, la palla ancora in gioco e Krasic scalcia di molto in alto. Nulla di fatto. Qualche minuto dopo ci pensa Biagianti a regalare agli ospiti la terza rete, perdendo troppo tempo: Quagliarella in palla, difesa etnea in brutta posizione, evidentemente sorpresa dall’ingenuità del giocatore rossoazzurro, l’attaccante juventino calcia con la massima precisione e passa Andujar. Brutti momenti per il Catania, ma la squadra di Giampaolo non molla e tenta di portarsi in avanti. Al 18’minuto buona l’iniziativa di Alvarez: cross in area, prende palla Morimoto e Storari respinge, calcio d’angolo. Ma dopo il corner, il colpo di testa di Martinho termina sopra la traversa. Il Catania insiste, difesa juventina serrata, i rosso azzurri non trovano spazi. Giampaolo sostituisce Morimoto e Gomez, rispettivamente con Antenucci e Ricchiuti. Ma nulla cambia dal punto di vista tattico. Al 31’minuto Antenucci riceve un assist eccellente, si porta verso l’area di rigore bianconera, peccato che tira in ritardo e Storari da professionista chiude la porta. Ancora la Juventus si fa pericolosa al 38’minuto: Krasic vince il confronto con Alvarez e tenta di mettere dentro con un bel cross che trova la testa di Iaquinta, che, mira e colpisce, ma Andujar con uno splendido intervento blocca. Il tempo si fa tiranno e diminuisce forza ed entusiasmo e, a pochi minuti dallo scadere del tempo regolamentare, il Catania rallenta, rischiando ancora di subire ancora una rete con il neo-entrato Del Piero, prima, e Krasic, poi, che spedisce fuori un buon pallone. Vince una Juve che ha ritrovato grinta e tecnica, legittimando così il successo sugli ospiti ormai demoralizzati. Catania, nonostante la brutta botta, mantiene, una buona posizione in classifica che fin ora rassicura.

TABELLA DI GIOCO

CATANIA (4-3-1-2): Andujar; Potenza, Silvestre, Terlizzi, Alvarez; Ledesma, Biagianti (42′ st Carboni), Martinho; Gomez (25′ st Ricchiuti); Morimoto (23′ st Antenucci), Maxi Lopez.

A disposizione: Campagnolo, Capuano, Izco, Mascara.

Allenatore: Giampaolo

JUVENTUS (4-4-2): Storari; Sorensen, Bonucci, Chiellini, Grosso; Krasic, Melo, Aquilani (10′ st Sissoko), Pepe (36′ Salihamidzic); Quagliarella (34′ Del Piero), Iaquinta.

A disposizione: Manninger, Motta, Legrottaglie, Lanzafame.

Allenatore: Delneri

Marcatori: 35′ pt Pepe, 36′ pt Morimoto, 44′ pt Quagliarella, 12′ st Quagliarella.

Ammoniti: Storari.

Arbitro: Damato di Barletta

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook