Archiviato in | Teatro

CATANIA: TEATRO STABILE, “CAVALLERIA RUSTICANA” INAUGURA LA NUOVA STAGIONE

CATANIA: TEATRO STABILE, “CAVALLERIA RUSTICANA” INAUGURA LA NUOVA STAGIONE

Print Friendly, PDF & Email

Si riaccendono i riflettori sul palco del Teatro Stabile di Catania con un caposaldo della letteratura verista. La “Cavalleria Rusticana” di Verga questa sera inaugurerà la stagione 2010-2011 e replicherà fino al 22 dicembre.

Ieri Mattina, durante la conferenza stampa di presentazione dell’opera, il regista e gli interpreti hanno fornito le chiavi di lettura dell’opera lasciando viva la curiosità di andare a teatro e vedere la rappresentazione.

Il Direttore artistico del teatro, Giuseppe Dipasquale, ha accolto i giornalisti e preso per primo la parola presentando il cast dello spettacolo. Gli attori sono visi noti della televisione: David Coco, Giovanni Guardiano e Claudia Potenza. inoltre, ha spiegato i motivi delle scelte prese dal teatro in merito a questo primo appuntamento della stagione: «Abbiamo voluto inaugurare questa stagione in questo teatro con un’opera dello scrittore da cui esso prende nome allo scopo di rendergli onore – ha dichiarato Dipasquale –  e abbiamo scelto Borgia, consapevoli dei “rischi” a cui andavamo incontro allontanandoci dalle passate rappresentazioni. Il regista ha riletto e reinterpretato il testo sotto un aspetto per nulla scontato, catapultando la vicenda nella realtà contemporanea che viviamo».

Dopo questa breve introduzione ha dato la parola prima al regista e poi agli attori. Giampiero Borgia, infatti, ha illustrato l’iter del lavoro svolto dal suo concepimento fino alla realizzazione concreta: «Il passo primario da cui è scaturito tutto è stato lo studio e l’analisi del testo, cercando di capire il messaggio e i meccanismi messi in moto dall’autore per poi rappresentare l’opera rispettandone tutte le logiche e le intenzioni. Ho voluto utilizzare il suo “linguaggio del vero” trasportando il dramma ai nostri giorni. Attraverso allusioni a fatti di cronaca su cui recentemente i media hanno continuamente speculato, trasformando la realtà in fiction (caso emblematico quello di Avetrana) con la differenza che i media creano Hollywood su fatti veri e noi in questo spettacolo attuiamo il processo inverso, trasportiamo la finzione nel mondo reale». Invece sulla realizzazione dell’opera, ha dato giusto gli accenni necessari e inevitabili – dato che la conferenza si è tenuta proprio sul palco – motivando quello che si poteva vedere alle loro spalle: «Ambientare la vicenda a Vizzini – detto Borgia – sarebbe stato poco credibile per i catanesi, perché è una realtà che non conoscono, perciò abbiamo scelto Librino perché anche se non tutti ne vivono in prima persona la situazione basterebbe fare un giro per quelle vie per rendersi conto. Il nostro lavoro preliminare è stato quello di andare lì e scattare delle foto in bianco e nero così da poter ricostruire quasi una scena del crimine sul palco».

 

Lina Scuto

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook