Archiviato in | Politica Regionale

PALERMO: OSSERVATORIO POPOLARE SU FONDI UE. DA GELA AD ALCAMO I COMUNI SI UNISCONO. “SICILIA PARALIZZATA, SALVARE LE RISORSE PER LO SVILUPPO”

PALERMO: OSSERVATORIO POPOLARE SU FONDI UE. DA GELA AD ALCAMO I COMUNI SI UNISCONO. “SICILIA PARALIZZATA, SALVARE LE RISORSE PER LO SVILUPPO”

Print Friendly, PDF & Email

Lunedì 29 novembre 2010 alle ore 11, presso la sede di  Un’altra Storia di via Mariano Stabile 250 (Palermo), verrà presentano alla stampa il neonato Osservatorio popolare sulle politiche di sviluppo e coesione costituito da 33 comuni siciliani che hanno sottoscritto il protocollo d’intesa la scorsa settimana a Caltagirone. All’Osservatorio hanno aderito anche Cigl, Cisl, Uil, Cna e Legacoop.
Centralità allo sviluppo locale nella spesa comunitaria, interconnessione fra territori limitrofi per monitorare la spesa dei fondi europei e attenzione allo sviluppo dei poli industriali presenti nell’isola. Questi gli obiettivi cardine dell’Osservatorio promosso dal Cantiere Sviluppo economico di Un’altra Storia insieme ai comuni aderenti. Saranno presenti , Rita Borsellino, eurodeputato e presidente di Un’altra  Storia, Alberto Tulumello, responsabile del Cantiere Politiche dello Sviluppo, Franco Pignataro, sindaco di Caltagirone e presidente dell’Osservatorio e i sindaci e rappresentanti delle amministrazioni comunali che hanno sottoscritto il protocollo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook