Archiviato in | Cronaca Regionale

SANTA MARGHERITA DI BELICE(PA): DOPO 40 ANNI, LA PRIMA RADIO LIBERA ITALIANA RITORNA NELLA VALLE DEL BELICE

SANTA MARGHERITA DI BELICE(PA): DOPO 40 ANNI, LA PRIMA RADIO LIBERA ITALIANA RITORNA NELLA VALLE DEL BELICE

Print Friendly, PDF & Email

LA PRIMA RADIO LIBERA RITORNA NEL BELICE:

La radio riportava cifre, appelli, interviste con la popolazione:

 

Era il 1970 e la radio libera di Danilo Dolci denunciava una situazione insostenibile di sofferenze

S  O  S

S  O  S

Siciliani, italiani, uomini di tutto il mondo, ascoltate: si sta compiendo un delitto di enorme gravità, assurdo: si lascia spegnere una intera popolazione.

La popolazione delle Valli del Belice, dello Jato e del Carboi, la popola-zione della Sicilia occidentale non vuole morire.

…… avvisate immediatamente i vostri amici, i vostri vicini: ascoltate la voce del povero cristo che non vuole morire, ascoltate la voce della gente

che soffre assurdamente.

…… non possiamo lasciar compiere questo delitto: le baracche non reggono, non si può vivere nelle baracche, non si vive di sole baracche.

Lo Stato italiano ha sprecato miliardi in ricoveri affastellati fuori tempo,confusamente: ma a quest’ora tutta la zona poteva essere già ricostruita, con case vere, strade, scuole, ospedali.

Le mani capaci ci sono, ci sono gli uomini con la volontà di lavorare, ci sono le menti aperte a trasformare i lager della zona in una nuova città, viva nelle campagna con i servizi necessari, per garantire una nuova vita. ……..

“Il 25 marzo 1970” e’ una data che segna un punto di non ritorno nella storia dell’informazione italiana: in quel giorno intorno alle 19.00 circa,
per la prima volta, il segnale radiofonico di “Radio Libera Partinico” rompe il Monopolio di stato sulle trasmissioni via etere con un forte messaggio di denuncia: a distanza di due anni dal terremoto del 1968 non una sola casa era stata ricostruita; il dominio mafioso e clientelare aveva attinto a piene mani dai soldi destinati alla ricostruzione della valle del Belìce.  Quel segnale apre le porte ad una nuova stagione dei media, fiorita nell’arco degli anni ’70 con decine di radio e televisioni “libere”, nate in una zona grigia del diritto e successivamente riconosciute anche dalla Corte Costituzionale come una legittima declinazione di quel “diritto all’espressione  con ogni mezzo di diffusione  sancito dall’articolo 21
della nostra Costituzione”.

Il 25 marzo sarà quindi l’occasione per ricordare la Radio che ha potuto irradiare “la voce dei poveri cristi” per sole 27 ore: ma questo è
stato sufficiente a rimettere in discussione già allora l’art. 21 della Costituzione Italiana, che dovrebbe garantire “la libertà di espressione con
ogni mezzo”.

Già alcuni anni fa, il Centro per lo sviluppo creativo ‘Danilo Dolci’ ha ripubblicato il CD audio della trasmissione, a suo tempo uscito in vinile
(LP a 33 giri) a cura di Michele L. Straniero nella collana ‘I dischi del sole’: 45′ minuti estratti dall’intera trasmissione, che durava circa 4 ore.

In occasione del quarantennale dalla trasmissione, il 25 e 26 di marzo, in diverse parti d’Italia, saranno organizzati punti d’ascolto e trasmissioni
attraverso le radio locali per ricordare il 40° anniversario, con interventi, letture di documenti e poesie.

Il Centro per lo sviluppo creativo ‘Danilo Dolci’ sarà a S. Margherita di Belìce nel pomeriggio dalle 18.00, ospite dell’Amministrazione Comunale, con Giuseppe Fontanelli (sulla poesia di Danilo Dolci), Pino Lombardo (insieme a Franco Alasia, testimone diretto della trasmissione) e il Sen. Vito Bellafiore (già coordinatore dei Sindaci del Belìce) e Amico Dolci.

 

 

 

 

Danilo Dolci e la prima radio libera d’Italia http://www.radiomarconi.com/marconi/partinico/danilo_dolci.html

di Vito La Fata

 

Danilo Dolci e l’esperienza di “Radio Libera Partinico” http://www.radiomarconi.com/marconi/partinico/partinico.html

di Carlo Gubitosa

 

Libera Radio  Voci contro le mafie

http://liberaradio.rcdc.it/archives/omaggio-a-danilo-dolci

( ascolta )

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook